REGOLARITA' IN CASO DI APPALTO

15/02/2006

1.809 volte
La Corte di Giustizia Europea ha deliberato su due procedimenti riuniti (cause C-226/04 e C-228/04), investita dal TAR del Lazio su tre controversie relative a tre imprese escluse dal Ministero della Difesa, d'intesa con in Ministero dell'Economia, per servizi di ristorazione per il fatto di non essere in regola con il pagamento dei contributi previdenziali e delle imposte.
La Corte, in riferimento alla richiesta di revoca dell'esclusione delle tre imprese, ha stabilito che spetta agli Stati membri valutare come applicare le sette cause che possono far scattare l'esclusione da un appalto previste dalla Direttiva 92/50, tra le quali figurano l'inandempienza di obblighi in materia di previdenza ed il mancato pagamento di imposte e tasse e spetta anche agli stessi Stati membri stabilire il termine entro il quale i soggetti devono aver realizzato la loro posizione.

Tale termine può essere correttamente individuato nel tempo intercorrente tra la data di presentazione delle domande fino al momento che precede l'aggiudicazione dell'appalto e, quindi, qualsiasi regolarizzazione successiva all'aggiudicazione è tardiva eprovoca l'esclusione dell'impresa stessa.
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa