ATTI SUCCESSIVI AL DINIEGO

06/03/2006

2.415 volte
Il Consiglio di Stato con la sentenza n. 467 del 3 febbraio 2006 ha stabilito che la legittimità di un provvedimento amministrativo non può che essere verificata con riguardo alle norme, legislative o di natura regolamentare, ed alle prescrizioni urbanistiche vigenti al momento della sua adozione.

La sentenza si riferisce ad un edificio per il quale l'amministrazione comunale aveva negato la concessione in sanatoria visto che lo stesso ricadeva nella fascia costiera fino a 150 metri dal mare per la quale era in vigore il vincolo di inedificabilità.

Successivamente, però si era avuta una modifica alla legislazione regionale ed, in base alle nuove norme, l'intervento poteva essere sanato per il fatto che il lotto di terreno su cui insisteva l'opera stessa era stato inserito tra quelli urbanizzati e, quindi, trattandosi di un lotto intercluso doveva essere escluso dal vincolo di tutela della fascia costiera perché assimilabile ad una zona " B" di Piano Regolatore.

Il Consiglio di Stato, rigettando il ricorso del responsabile dell'abuso, ha chiarito che sono, quindi, ininfluenti le modifiche alle prescrizioni urbanistiche introdotte da norme successive alla data dell'abuso. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa