CIRCOLARE MINISTERIALE

06/03/2006

2.418 volte
Come già preannunciato nella nostra news del 14 febbraio il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con circolare n. 2699 del 7 dicembre 2005, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 52 del 3 marzo 2006 è intervenuto in merito all'articolo 32 del decreto-legge n. 269/2003, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326 relativo a "Misure per la riqualificazione urbanistica, ambientale e paesaggistica, per l'incentivazione dell'attività di repressione dell'abusivismo edilizio, nonché per la definizione degli illeciti edilizi e delle occupazioni di aree demaniali".

Il Ministero suddivide la circolare nei seguenti capitoli:
- 1. premessa;
- 2. termini per la presentazione della domanda di sanatoria, oblazione ed oneri concessori;
- 3. Ambito soggettivo di applicazione;
- 4. Ambito oggettivo di applicazione;
- 5. Tipologie di abuso sanabili;
- 6. Immobili sottoposti a vincolo;
- 7. Esclusioni della sanatoria;
- 8. Disposizioni per contrastare l'abusivismo edilizio.

Nel capitolo 7 relativo alle esclusioni della sanatoria vengono dettagliatamente indicate:
- le opere non suscettibili di adeguamento antisismico ai sensi dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274/2003 pubblicata nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 105 dell'8 maggio 2003, che detta nuovi criteri di classificazione sismica del territorio nazionale, sulla base di quattro tipologie di zone;
- le opere realizzate su aree pubbliche qualora non ne venga ordinata la messa in disponibilità a titolo oneroso;
- le opere realizzate su aree boscate o su pascolo, i cui soprassuoli siano stati percorsi dal fuoco nell'ultimo decennio;
- le opere realizzate nei porti e nelle aree del demanio marittimo, lacuale e fluviale nonché in terreni gravati da diritto di uso civico. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa