PARERE CAMERA

03/03/2006

2.972 volte
Nella seduta di Mercoledì 1 marzo la Commissione Ambiente della Camera ha espresso il proprio parere sul Codice degli appalti.
Il parere della Commissione della Camera segue quello del Senato (allegato alla news odierna) che era stato positivo pur se con qualche osservazione. Alla Camera il parere è stato positivo, ma con 17 condizioni e 28 osservazioni, oltre ad un invito al Governo ad adottare "ogni possibile iniziativa per recuperare un dialogo con i rappresentanti delle autonomie territoriali, al fine di favorire, prima della definitiva approvazione del provvedimento, l'individuazione di eventuali elementi di raccordo che possano indurre le regioni e gli enti locali a valutare con maggiore attenzione le modifiche introdotte dallo schema di decreto legislativo".

Tra le condizioni della Camera vanno ricordate:
- devono essere adottate norme transitorie che consentano di prolungare in misura congrua, comunque non inferiore a tre mesi, i termini di entrata in vigore del provvedimento;
- il regolamento di attuazione deve essere approvato rapidamente al fine di evitare un vuoto normativo;
- devono essere recepiti i suggerimenti del Consiglio di Stato;
- devono essere approfondite le problematiche connesse al rapprto Stato-Regioni;
- non devono essere utilizzati spazi di discrezionalità lasciati dalle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE;
- l'appalto integrato di progettazione-lavori deve essere scelto dalle amministrazioni a seguito di una dettagliata motivazione;
- la trattativa privata deve essere circoscritta al fine di evitare un potere discrezionale eccessivo;
- i criteri per l'offerta economicamente più vantaggiosa devono essere obbligatoriamente e non facoltativamente specificati dalla stazione appaltante. In atto il parere della Camera non è disponibile mentre è disponibile il parere del Senato espresso nella seduta del 22 febbraio.

Dopo la definitiva approvazione da parte del Governo (si pensa in 10 giorni circa) il Codice dovrebbe essere emanato dal Capo dello Stato sempre che dallo stesso non siano accertate violazioni della Costituzione; la valutazione dello Capo della Stato dovrà, ovviamente, tenere conto del problema relativo all'eccesso di delega e del parere duramente negativo espresso dalla Conferenza Stato-Regioni. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa