COMUNICATO STAMPA ANCE

31/05/2006

1.860 volte
Generano grandi preoccupazioni le affermazioni del Ministro dell’Economia Tommaso Padoa Schioppa circa il rischio di chiusura dei cantieri ANAS e Ferrovie causa l’esaurirsi delle risorse destinate al loro finanziamento.
Se tale evento dovesse  aver luogo - ha sostenuto Claudio De Albertis Presidente dell’ANCE -  le conseguenze si farebbero immediatamente sentire in termini di caduta degli investimenti nel settore delle opere pubbliche di circa  il 3%, con severo impatto negativo sull’andamento economico generale e sull’occupazione, le cui sorti sono state in gran parte favorite proprio dalla crescita delle costruzioni di questi ultimi anni.

Rammarica ricordare come l’ANCE abbia, da oltre un anno, pubblicamente e reiteratamente avvertito il governo circa il progressivo processo di crisi finanziaria dei due maggiori investitori pubblici.

E` comunque da porsi il legittimo interrogativo sulla anomalia di programmi di investimento appaltati senza la certezza di poterli finanziare esponendo in tal modo imprese e lavoratori alle drammatiche conseguenze di interruzione dei lavori e dei relativi licenziamenti.

Al di là di ogni valutazione circa la regolarità di tali procedure, Claudio De Albertis ritiene che la crisi di ANAS e FS debba essere affrontata con interventi eccezionali alla stregua di quanto potrebbe avvenire qualora fossero messi in crisi i flussi finanziari destinati a stipendi e servizi pubblici essenziali. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa