TRASMISSIONE TELEMATICA CERTIFICATI LAVORI

13/07/2006

8.227 volte
Il Presidente dell'Autorità per la Vigilanza sui contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture (questa è la nuova denominazione dell'Autorità di vigilanza successivamente all'entrata in vigore del D.Lgs. n. 163/2006), Rossi Brigante, con un comunicato del 6 luglio scorso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 159 dell'11 luglio e recante "Comunicazioni relative ai certificati di esecuzione dei lavori" precisa che:

  1. a decorrere dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del comunicato e, quindi dal giorno 11 luglio scorso, i certificati dovranno essere rilasciati dalle stazioni appaltanti esclusivamente utilizzando la procedura informatica all'uopo sviluppata e resa disponibile sul sito Internet dell'Autorità al link Certificati esecuzione lavori, sia per appalti in corso di svolgimento sia per appalti già conclusi;
  2. dopo aver proceduto alla compilazione e convalida dei campi, il responsabile del procedimento della stazione appaltante in fase di rilascio del certificato dovrà stampare, sempre per il tramite della procedura sopra indicata, tre copie cartacee del documento. Due di queste saranno «formalmente» conformi all'allegato «D» al decreto del Presidente della Repubblica n. 34/2000: una sarà rilasciata all'impresa che la utilizzerà per il conseguimento dell'attestazione di qualificazione, mentre la seconda sarà protocollata e conservata negli archivi della stazione appaltante, per eventuali successivi controlli. Una terza copia del certificato, difforme dalle precedenti ma contenente tutte le informazioni inviate all'Osservatorio, sarà anche questa protocollata ed archiviata a cura della stazione appaltante. Conseguentemente nessun documento cartaceo sarà più trasmesso all'Autorità;
  3. ai fini dell'utilizzo della procedura di che trattasi, le stazioni appaltanti dovranno richiedere, per il tramite del responsabile del procedimento, l'accreditamento al servizio di anagrafe disponibile, esclusivamente via web, all'indirizzo http://anagrafe.avlp.it/. Il soggetto richiedente, ai fini dell'accreditamento, dovrà disporre di un proprio indirizzo di posta elettronica che verrà utilizzato per il rilascio della password. Le credenziali di accesso saranno nominative e la responsabilità circa l'utilizzo delle stesse ricadrà in capo al richiedente. L'utente già in possesso di credenziali dovrà accedere nuovamente all'indirizzo http://anagrafe.avlp.it/ ed associarsi alla stazione appaltante (una o piu) con la quale collabora selezionando il profilo «Responsabile Unico del Procedimento»;
  4. una volta effettuata l'associazione tra soggetto richiedente e stazione appaltante, la procedura permetterà la stampa di una dichiarazione che dovrà essere sottoscritta dal legale rappresentante della stazione appaltante o suo delegato e trasmessa all'Osservatorio, dichiarazione in cui si attesta l'appartenenza del soggetto alla stessa stazione appaltante e si dichiara che le credenziali di accesso verranno utilizzate esclusivamente ai soli fini istituzionali nei limiti previsti dalla normativa vigente. La ricezione di tale dichiarazione sarà condizione necessaria per l'abilitazione dell'utente all'utilizzo della procedura di che trattasi.


    A cura di Paola Bivona
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa