PICCOLI RITOCCHI AL DL BERSANI

24/07/2006

2.848 volte
Mentre Venerdì scorso 21 luglio, gli ingegneri andavano in marcia verso Palazzo Chigi per protestare contro il Governo colpevole di aver messo "in liquidazione la sicurezza delle opere pubbliche" la Commissione Bilancio del Senato ha approvato alcuni emendamenti che inseriscono piccole modifiche all’articolo 2 del Decreto-legge 223/2006.
In particolare sono stati approvati gli emendamenti del Governo che hanno modificato l’articolo 2 del decreto-legge cosi come di seguito indicato:
  • al comma 1, lettera a), le parole: «la fissazione di tariffe obbligatorie» sono sostituite con le seguenti: «l'obbligatorietà di tariffe».
  • al comma 1, la lettera b) è sostituita dalla seguente: "b) il divieto, anche parziale, di svolgere pubblicità informativa circa i titoli e le specializzazioni professionali, le caratteristiche del servizio offerto, nonché il prezzo e i costi complessivi delle prestazioni;";
  • al comma 1, la lettera c) è sostituita dalla seguente: "c) il divieto di fornire all'utenza servizi professionali di tipo interdisciplinare da parte di società di persone o associazioni tra professionisti, fermo restando che l'oggetto sociale deve essere esclusivo, che il medesimo professionista non può partecipare a più di una società e che la specifica prestazione deve essere resa da uno o più soci professionisti previamente indicati, sotto la propria personale responsabilità.".
Con gli emendamenti in argomento non vengono più cancellate le tariffe minime, come era previsto nella prima stesura del provvedimento, ma vengono rese non più obbligatorie.
Per quanto concerne, poi, la pubblicità, la stessa sarà consentita ma soltanto di tipo informativo circa i titoli e le specializzazioni professionali, le caratteristiche del servizio offerto, nonché il prezzo e i costi complessivi delle prestazioni.
Per ultimo, con l’emendamento modificativo della lettera c) del comma 1, dell’articolo 2 le società professionali interdisciplinari sono consentite a patto che l'oggetto sociale sia esclusivo.

La legge di conversione del decreto-legge n. 223/2006, con gli emendamenti, approvati venerdì scorso alla Commissione Bilancio di Palazzo Madama, approderà oggi al Senato per passare successivamente alla Camera per l’approvazione definitiva.

Intanto il Ministro della Giustizia Clemente Mastella, che ha sempre rivendicato la competenza in materia di professioni, ha annunciato che "E’ mia intenzione, lo ribadisco ancora una volta, varare al più presto un disegno di legge quadro sulle professioni che affronti i problemi generali delle categorie interessate, tenendo cono degli orientamenti comunitari, ma anche i problemi più specifici contemplati dal decreto legge sulle liberalizzazioni". © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa