EUROCODICI MANCA SOLO L’ALLUMINIO

30/08/2006

2.025 volte
Con la pubblicazione dell’ultima parte dell’Eurocodice 2 (la Parte 3 sulla progettazione di serbatoi e strutture di contenimento di calcestruzzo) si è ormai completato il processo di conversione degli Eurocodici da norme europee sperimentali (ENV) a norme europee definitive (EN). Manca solo, infatti, l’Eurocodice 9 sulle strutture di alluminio (i testi sono comunque attualmente in fase di voto formale da parte dei Paesi europei), mentre sono già disponibili le 9 parti dell’Eurocodice 1 sulle azioni sulle strutture, le 2 parti dell’Eurocodice 2, 5 e 6 sulle strutture rispettivamente di calcestruzzo, di legno e di muratura, le 17 parti degli Eurocodici 3 e 4 sulle strutture di acciaio e miste acciaio-calcestruzzo, oltre alle 5 parti dell’Eurocodice 8 sulla progettazione delle strutture per la resistenza sismica e alle 7 cosiddette parti "fuoco" sulla progettazione strutturale contro l’incendio.

Un pacchetto di più di 50 documenti è dunque a disposizione per i progettisti che intendono assicurare ai loro calcoli un approccio prestazionale, efficiente e moderno, basato su consolidate esperienze scientifiche, che inizia a riscuotere interesse anche al di là dei confini europei. In Algeria, infatti, una recente commessa per la costruzione di un’autostrada di 1400 km impone che i calcoli strutturali siano effettuati basandosi sugli Eurocodici. Addirittura, è notizia di questi giorni che anche la Cina si sta rivolgendo alla Commissione Europea per avere indicazioni su come trasferire in estremo oriente il sistema Eurocodici.

Restando in Europa, secondo le indicazioni della Commissione Europea la coesistenza tra Eurocodici e Regolamenti nazionali sarà ammessa ancora per pochi anni (il termine è marzo 2010), dopodiché le norme europee saranno il riferimento unico e condiviso sulla base del quale saranno progettate tutte le strutture nel Vecchio Continente.
Data la complessità della materia sono già avviate diverse iniziative volte ad agevolare la conoscenza e la divulgazione degli Eurocodici in tempo utile per essere pronti senza indugi per la scadenza del 2010. UNI si è già attivato in tale senso, con specifichi programmi di formazione. La divulgazione e il diffuso utilizzo degli Eurocodici, unitamente alle norme di prodotto armonizzate secondo la direttiva 89/106, agevolerà, rispettivamente, la libera prestazione di servizi d'ingegneria e la libera circolazione e il libero utilizzo dei prodotti marcati CE.

In tale contesto, è bene ricordare come non venga minimamente intaccato il diritto delle Autorità nazionali di stabilire il livello di sicurezza sul proprio territorio. Ciò trova conferma nel fatto che le norme di prodotto armonizzate non contengono valori limite sulle prestazioni dei prodotti e che negli Eurocodici molti coefficienti di sicurezza hanno solo valori raccomandati e sono pertanto lasciati liberi per la scelta a livello nazionale, generalmente in funzione degli aspetti di sicurezza trattati nel regolamenti nazionali di progettazione ed esecuzione delle opere.

IL PACCHETTO DEGLI EUROCODICI
UNI EN 1990 Criteri generali di progettazione strutturale - Norma quadro
UNI EN 1991 Eurocodice 1 - Azioni sulle strutture
  • Pesi propri e sovraccarichi
  • Carichi da neve
  • Azioni del vento
  • Azioni termiche
  • Azioni durante la costruzione
  • Azioni eccezionali
  • Carichi da traffico sui ponti
UNI EN 1992 Eurocodice 2 - Strutture di calcestruzzo
  • edifici
  • serbatoi e strutture di contenimento
UNI EN 1993 Eurocodice 3 - Strutture di acciaio
  • edifici
  • ponti
  • strutture di acciaio inox
  • strutture a guscio
  • torri, pali e ciminiere
  • silos, serbatoi e condotte
  • palandole
UNI EN 1994 Eurocodice 4 - Strutture miste acciaio-calcestruzzo
  • edifici
  • ponti
UNI EN 1995 Eurocodice 5 - Strutture di legno
  • edifici
  • ponti
UNI EN 1996 Eurocodice 6 - Strutture di muratura
  • edifici
  • criteri di esecuzione
  • metodi di calcolo semplificato
UNI EN 1997 Eurocodice 7 - Progettazione geotecnica
  • criteri generali
  • prove e indagini sul terreno
UNI EN 1998 Eurocodice 8 - Strutture in zona sismica
  • edifici
  • ponti
  • riparazione strutture danneggiate
  • fondazioni e strutture di contenimento
  • silos, serbatoi e condotte
  • torri, pali e ciminiere
UNI EN 1999 Eurocodice 9 - Strutture di alluminio
  • strutture soggette a fatica
  • strutture a guscio
  • strutture con lamiere formate a freddo
Sicuramente degno di nota, a tale proposito, è il riconoscimento sia da parte del sistema produttivo sia da parte delle Autorità competenti del ruolo del Comitato Costruzioni UNI, organismo di orientamento e coordinamento delle politiche e delle strategie normative di settore, in particolare per la sua rappresentatività e, quindi, per la particolare rilevanza del valore consensuale delle posizioni assunte nelle varie fasi del processo di costruzione di un sistema di regole comuni e condivise.

UNI, Alberto Galeotto
Comparto Costruzioni
e-mail: costruzioni@uni.com © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa