FISCO E FINANZIARIA 2007

29/11/2006

3.325 volte
Fisco, finanziaria e riforma delle professioni è il maggiore pensiero che occupa il “tempo libero” dei lavoratori autonomi.
Il nostro sguardo si pone su i liberi professionisti che attraversano un momento di estrema incertezza e profonda crisi legata al mercato in forte stallo ma ancor più nella mancanza di speranze per il futuro lavorativo.

Ad oggi chi decide di intraprendere la libera professione per cercare di fare “di più” rispetto a chi è dipendente non sempre si ritrova d’accordo con quanto effettivamente realizzato.
Non soltanto ogni giorno il libero professionista deve combattere con l’interrogativo del domani, ma con il sistema del redditometro gli viene imposto un reddito che non sempre riesce ad ottenere.

Il libero professionista lavora mediamente il 40% in più rispetto ad un dipendente ponendo fine all’attività lavorativa con molto ritardo rispetto a qualsiasi suo coetaneo dipendente.
Viene da chiedersi: chi continuerà su questa strada?
Chi, seppur “libero” di organizzare il suo tempo continuerà a perseguire una strada incerta, con mille difficoltà e con minori obiettivi raggiunti nella maggior parte dei casi?

Lo stato, nella definizione di grandi temi quali fisco, finanziaria e riforma delle professioni dovrebbe cercare di aprire gli occhi soprattutto su quelle categorie di lavoratori più a rischio e, primi tra tutti, i liberi professionisti. Dovrebbe essere attento a tutelare i diritti di coloro che cercano di portare avanti idee nuove, piene di sogni e speranze.
Ad oggi, però, sognare costa ancor più di vivere!

Continuiamo a sperare, però: il vecchio anno porterà con sé difficoltà e incertezze lasciando posto ai nuovi giorni pieni di realismo governativo e dibattito reale.

A cura di Paola Bivona
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa