SALONE DELL’ARCHITETTURA E DELLE COSTRUZIONI

18/12/2006

1.630 volte
Sarà la sua Fiera di Milano ad allestire il “I° Salone dell’Architettura e delle Costruzioni”. Il “Build Up (United Projects) Expo”, che si svolgerà dal 6 al 10 febbraio 2007, avrà come cornice la realizzazione progettuale e ingegneristica dell'architetto Massimiliano Fuksas col quale si è aggiudicato l'Awards for Excellence 2006 Europe.

Il nuovo centro espositivo - fanno sapere i curatori - rappresenta l’ideale sede per lo svolgimento di un salone di questo tipo, all’insegna del dinamismo e dell’innovazione per comunicabilità e i temi da trattare. La fruibilità e la funzionalità delle strutture è contraddistinta dall'ampiezza e la flessibilità degli spazi espositivi progettati, così pure per le dotazioni tecnologiche, la logistica progettata ad hoc per agevolare al massimo gli allestimenti e la permanenza dei visitatori. Inoltre, l'ampia disponibilità di parcheggi, i collegamenti della Fiera con Milano (la metropolitana arriva all'interno del quartiere) e col resto del mondo, fanno di questi spazi un polo espositivo all’avanguardia.

200 mila metri quadrati di spazi espositivi coperti e 60 mila all'aperto, le manifestazioni possono essere rappresentate nei modo più congeniale e col maggiore effetto. Gli spazi espositivi sono frutto di un contributo di idee e di esperienze guidate da un Comitato Scientifico internazionale coordinato da Cesare Maria Casati e da personalità affermate e riconosciute nei rispettivi settori.

Build UP Expo, intende anche realizzarsi nel tempo come organo di comunicazione permanente nel campo delle Costruzioni, in grado di integrare con tutti gli aspetti e i protagonisti della building community internazionale moderna.

Per questo, per la prima rassegna sono previsti numerosi eventi.
Il programma di 5 giornate si apre con “Idoli, dei, mostri, metropoli, città, villaggi, ragioni”, la I° conferenza internazionale sulle città che vede la partecipazione di personalità del mondo dell'architettura e dell'urbanistica, della cultura, dell'economia e i gestori di importanti metropoli. Seguono “La Città che cambia”, tratta il tema delle aree metropolitane incentrando sui cambiamenti apportati delle grandi opere di architettura motori dello sviluppo socioeconomico; “Linee di confronto oriente/occidente in architettura e urbanistica, l'uso della pietra naturale secondo la cultura occidentale e quella cinese”, e, “La qualità degli spazi aperti nelle periferie: il paesaggio delle nuove metropoli” a cura di Acimm, sul tema dello sviluppo sostenibile delle città del futuro.

Altri incontri sono programmati da Fast (Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche); Conferenza europea della sezione City Up promossa da Paysage; Build UP Expo; Eurocities e Regione Lombardia - Direzione Territorio e urbanistica; Uct (Unione costruttori chiusure tecniche); Aia Europa (American Institute of Architecture); Ala Assoarchitetti sul premio internazionale Dedalo Minosse; Casa dell'architettura di Roma; Uia (unione internzionale architetti); Occam - Infopoverty Exhibition; Politecnico di Milano; Comune di Settimo Torinese; Aie - Libreria Hoepli.

Nell'ambito della sezione “Geo Up” verranno presentate le strumentazioni per telerilevamento, topografia, analisi idrogeologica e geologica, bonifica di siti.
Uno spazio speciale sarà “Architetti non stop”, una presentazione di progetti selezionati dal Comitato Scientifico e da “Domus”. Sono previsti interventi con l’organizzazione Occam (Osservatorio sullo sviluppo delle nuove tecnologie della comunicazione) che per l’ONU si coordina le attività del programma Infopoverty.

Build Up Expo, inoltre, terrà in abbinamento altre due manifestazioni:
- la “Intel Living Luce” negli anni dispari (come nel 2007);
- la “Ener Motive e Sicurezza” negli anni pari (come nel 2008).

© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa