MOSTRA DI ARCHITETTURA CATALANA

02/02/2007

2.021 volte
Tra le attività collaterali alla sagra del Mandorlo in fiore 2007, particolare rilevanza culturale assume l’iniziativa dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Agrigento che - con il patrocinio della Consulta Regionale degli Architetti, della Provincia e del Comune di Agrigento - ospita la mostra di architettura catalana nel mondo ArqCatMòn 2005, già presentata ad Istanbul in occasione del XXII Congresso dell'Unione Internazionale degli Architetti. Ad Agrigento, la mostra sarà inaugurata Lunedì 5 Febbraio (ore 16,30) presso il Foyer del Teatro Pirandello e sarà esposta presso il Circolo Empedocleo (Via Atenea,335) da Lunedì 5 a Domenica 11 Febbraio (dalle 9,00 alle 13,00; dalle 16,30 alle 20,00). La collezione raccoglie i più significativi progetti realizzati nel mondo da architetti catalani (Miralles, Bofil, Bouschet, studio MBM di Barcellona, ecc.) e si articola in tre sezioni: a) architettura residenziale b) architettura non residenziale c) urbanistica ed architettura del paesaggio L’iniziativa è da collocare lungo un percorso che vede gli architetti siciliani sempre più impegnati nella promozione di un costante dialogo con i rappresentanti degli Ordini degli Architetti dei 18 Paesi che aderiscono all’UMAR (Unione Architetti del Mediterraneo), al fine di lanciare sempre più la Sicilia quale luogo di scambio culturale, etnico, sociale, politico ed economico tra un’Europa in piena evoluzione ed i Paesi del Mediterraneo, materializzando, a livello culturale, quel corridoio Berlino-Palermo-Tunisi, che dovrebbe essere concretizzato anche dal punto di vista infrastrutturale. In particolare, l’Ordine degli Architetti di Agrigento ha voluto ospitare la mostra durante la Sagra del Mandorlo in Fiore, manifestazione che da sempre alimenta un interessante scambio etnico-culturale tra i popoli del mondo, al fine di catturare l’attenzione dei cittadini e dei numerosi turisti, che visiteranno la città dei templi durante la sagra, sull’importanza dell’architettura quale linguaggio universale, attraverso cui promuovere uno scambio culturale tra i popoli della terra, esaltando le radici culturali di ciascuna civiltà. La mostra, che in Sicilia è stata già ospitata dall’Ordine degli Architetti PPC di Palermo, dopo la tappa di Agrigento, proseguirà il suo cammino presso le rimanenti province siciliane. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa