ITALIA IN RITARDO

05/03/2007

2.265 volte
L’Italia è ammalata. Come dimostra il XVIII rapporto annuale presentato da Legambiente in occasione di Ambiente Italia 2007, il bel Paese è in ritardo rispetto l’Europa ed, in particolare, come afferma Roberto Della Seta, presidente nazionale di Legambiente, presentando la XVIII edizione del rapporto di Legambiente: “L’Italia ha bisogno di infrastrutture utili e pulite per contrastare i mutamenti climatici, l’inquinamento, la congestione da traffico: servono impianti eolici e solari, rigassificatori, metropolitane, ferrovie. Questa è la via che proponiamo, contro il Nimby che dice no a tutto e ignora l’interesse generale, contro le grandi opere che servono soltanto a chi le progetta e costruisce, dal Ponte sullo Stretto all’autostrada tirrenica”.

Nel rapporto di Legambiente è evidenziato come il trend italiano sia in netta controtendenza rispetto a quelli dei maggiori Paesi europei e che, nonostante gli sforzi fatti per incentivare le fonti rinnovabili, il contributo delle stesse rispetto ai consumi energetici complessivi è calato: nel 2005 le fonti rinnovabili hanno pesato il 6% in meno sul mix energetico, per effetto soprattutto della riduzione della produttività degli impianti idroelettrici. Nel settore elettrico, l’incidenza delle rinnovabili nell’ultimo quinquennio è stata del 17,6%, un punto in meno della media dei precedenti cinque anni. Le fonti fossili coprono l’88% dei consumi energetici, alla faccia del Protocollo di Kyoto e della necessità di potenziare l’energia pulita. Siamo in ritardo anche nello sviluppo dell’energia eolica, che pure rimane la fonte pulita più diffusa in Italia: 6 MW eolici ogni 1000 abitanti, contro i 20 della Spagna, i 52 della Germania, i 73 della Danimarca. Praticamente statico il livello d’efficienza delle centrali termoelettriche, che passa dal 40,1% del 2000 al 40,2% del 2004, 8 punti percentuali in meno rispetto alla media europea. Direttamente collegato a questi numeri è il nostro drammatico ritardo nella lotta ai mutamenti climatici: le emissioni di gas serra sono cresciute del 12,1% rispetto ai livelli del 1990, mentre in Europa c’è stata nello stesso periodo una contrazione di circa mezzo punto percentuale: “Qui allora – ha sottolineato Della Seta – c’è da dire un primo, sonoro sì: agli impianti eolici, ai pannelli solari termici e fotovoltaici, anche ai rigassificatori visto che il gas è il combustibile fossile di gran lunga meno inquinante. Vanno fatti rispettando l’ambiente, ma vanno fatti, perché sono indispensabili per rendere più sostenibile il nostro modo di produrre e consumare energia. Per questo abbiamo accolto con favore l’inizio di svolta nella politica energetica segnato dall’ultima finanziaria e dal recente pacchetto di misure varato dai ministri Bersani e Pecoraro: finalmente si comincia a capire che ridurre la dipendenza dal petrolio, scommettere sull’efficienza energetica e sulle rinnovabili, è uno dei più urgenti interessi dell’Italia”.

Ma l’energia non è l’unico tasto dolente, altro fronte caldo è quello della mobilità. L’Italia è il Paese europeo dove le persone si spostano di più a motore (mediamente ogni abitante fa 15.000 chilometri l’anno, +31% rispetto alla media europea e addirittura +60% rispetto alla Germania). E nel trasporto terrestre l’automobile copre circa l’82% della domanda. Abbiamo anche altri record negativi: ci sono 60 macchine ogni 100 abitanti, 10 in più rispetto agli altri Paesi europei, e si vendono appena 24 biciclette ogni 1000 abitanti, metà della media europea. I risultati di questa congestione sono sotto gli occhi (e il naso) di tutti: livelli record di polveri sottili (le nostre città, soprattutto quelle settentrionali, sono le più inquinate in Europa da Pm10), centri urbani dove ci si muove con una esasperante lentezza, una elevata incidentalità stradale (93 morti per milione di abitanti, due in più rispetto alla media Ue). Anche in questo caso, per Legambiente servono dei grandi e rapidi sì a nuove infrastrutture: a quelle ferroviarie come a quelle per il trasporto pubblico locale (tram, metropolitane, parcheggi di scambio). Ma il sì deve venire anche da chi governa: bisogna fare della manutenzione delle città, della riorganizzazione della mobilità in ambito metropolitano, l’opera pubblica prioritaria in Italia.

La fotografia che restituisce il rapporto di Legambiente è quella di un Paese fermo che non ha la volontà (non la capacità) di rinnovarsi investendo in ricerca e sviluppo: spendiamo per ricerca e sviluppo meno della metà della Germania e un quarto della Svezia, e la bilancia dei pagamenti tecnologici mostra incassi irrisori, un forte deficit e un basso volume d’acquisti e di scambi (le esportazioni italiane di alta tecnologia rappresentano infatti il 7,1% del totale dell’export, contro il 18% della media dell’Unione europea a 25).

Ma non tutto sembra immobile, segnali positivi si possono osservare dal dinamismo delle piccole dimensioni locali: la percentuale di superficie agricola coltivata a biologico è doppia rispetto alla media europea, crescono le certificazioni ambientali (l’Italia è il quarto Paese al mondo per numero di siti certificati ISO 14001, alle spalle di Giappone, Cina e Spagna e seconda solo a Germania e Spagna per la Emas, la certificazione Ue), l’estensione delle aree protette sfiora ormai l’11%, i visitatori di musei e siti archeologici d’interesse nazionale hanno superato i 30 milioni con un aumento del 30% rispetto ai primi anni ’90. Ammonta poi a circa 5 milioni di ettari (il 16,5% del territorio nazionale, in parte sovrapponibile con parchi e aree protette) il patrimonio di Rete Natura 2000, l’insieme delle zone di conservazione speciale definite ai sensi della direttiva europea Habitat e individuate con i siti di interesse comunitario (Sic) e le Zone di protezione speciale (Zps). Resta invece grave, gravissima, la situazione dell’abusivismo edilizio, rilanciato alla grande dall’ultimo condono del governo Berlusconi: nel 2005 sono state più di 30000 le nuove costruzioni illegali, quasi il 109% in più del 2000.

In definitiva, il XVIII rapporto di Legambiente conferma che l’ambiente nel nostro Paese è un problema persino più rilevante che nel resto d’Europa, ma testimonia al tempo stesso che può essere, più ancora che altrove, una soluzione: “Oggi – ha concluso Della Seta – con l’acuirsi delle drammatiche evidenze del cambiamento climatico e con le crescenti tensioni sull’approvvigionamento energetico, le tematiche ambientali sono protagoniste indiscusse di una credibile prospettiva di benessere, che promuova la qualità, la conoscenza, la ‘soft economy’. La visione ambientalista ha tutte le carte in regola per proporsi come risposta convincente e vincente ai rischi presenti e futuri, ma deve liberarsi dalla nostalgia e dal lamento e trovare il coraggio di proporsi come via del cambiamento, della riforma, di una rinnovata idea di progresso”.

A cura di Gianluca Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa