APPROVATA LA LEGGE DELEGA

13/04/2007

11.759 volte
Importante novità nel campo della Sicurezza: questa mattina il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva il disegno di legge che dà delega al Governo per l'emanazione del Testo Unico sulla sicurezza.
Dal comunicato stampa diffuso su internet si legge:
"(...) Il Consiglio ha esaminato e approvato i seguenti provvedimenti: su proposta del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, Cesare Damiano, e del Ministro della salute, Livia Turco:
un disegno di legge che conferisce al Governo la delega all'emanazione di un testo unico per il riassetto e l'aggiornamento della normativa in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, una disciplina articolata e stratificata nel tempo che il recepimento di numerose norme comunitarie ha reso ancor più complessa; la delega non si tradurrà nell'emanazione di un testo unico meramente compilativo, in quanto sono previsti l'introduzione dei necessari aggiornamenti nella normativa delegata e il superamento di lacune significative. Tra i punti qualificanti della disciplina che il Governo metterà a punto dopo aver ricevuto la delega dal Parlamento, infatti, oltre alla riformulazione e all'adeguamento del sistema sanzionatorio, vi è la previsione della piena garanzia per i lavoratori "parasubordinati", che vengono considerati beneficiari di tutela in quanto semplicemente presenti in un ambiente di lavoro di cui il datore abbia la disponibilità, indipendentemente dal tipo di contratto o dal titolo per cui prestano opera, mentre un ulteriore elemento di novità sarà il rafforzamento del ruolo del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza territoriale, in un contesto che renderà possibile affrontare i problemi connessi alle modalità di elezione e di svolgimento del mandato. Vengono valorizzati ed incoraggiati altresì accordi aziendali, codici di condotta e "buone prassi" che orientino utilmente i comportamenti dei datori di lavoro; sul provvedimento è stato acquisito il parere favorevole della Conferenza unificata; (...)".

Il provvedimento estende le tutele a tutti i lavoratori e le lavoratrici, indipendentemente dalla natura giuridica del rapporto di lavoro, compreso, dunque, il lavoro autonomo, in tutti i settori di attività e a tutte le tipologie di rischio. Parere favorevole della Conferenza unificata per quanto concerne gli accordi aziendali, i codici di condotta per i datori di lavoro. Nel testo sono previste anche misure di semplificazione degli adempimenti in materia di sicurezza, in particolare per le piccole e medie imprese, accanto a forme di supporto per l'informazione e la formazione e a finanziamenti ad hoc per migliorare gli ambienti di lavoro. Si punta anche su una rigorosa opera di vigilanza e di repressione, con una serie di interventi per accompagnare la regolarizzazione delle imprese, soprattutto di piccole dimensioni. Prevista anche la razionalizzazione e il coordinamento degli interventi ispettivi per evitare sovrapposizioni e duplicazioni tra i soggetti interessati. Vincolante nell'aggiudicazione degli appalti e per l'accesso alle agevolazioni a carico della finanza pubblica il rispetto delle norme di salute e sicurezza sul lavoro. Previsto anche l'inserimento della materia salute e sicurezza del lavoro nei programmi scolastici e universitari, oltre che nei percorsi di formazione.
A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa