CONTINUA LA CORSA AL BONUS

02/05/2007

3.113 volte
Il primo trimestre 2007 ha già realizzato una performance di tutto rispetto. Il totale delle richieste di agevolazione fiscale per la ristrutturazione della casa, infatti, dall’inizio dell’anno al 31 marzo è 78.214, con un aumento del 24 per cento sul totale dello stesso periodo del 2006 (59.360). Se fosse confermato questo trend, l’anno potrebbe chiudersi con un nuovo primato. Certo, quest’anno il clima mite ha favorito l’avvio dei lavori, ma se consideriamo che la stagione ideale, quella estiva, deve ancora iniziare, si prevede che il 2007 sarà un anno importante per il recupero del patrimonio edilizio.
Se confrontiamo il primo trimestre 2007 anche con lo stesso periodo del 2005, l`incremento risulta di oltre il 25 per cento.



Il grafico mostra come i periodi a confronto tracciano linee quasi sovrapposte per quanto riguarda il 2005 e il 2006, mentre si distacca notevolmente la linea blu che rappresenta il 2007. Questo andamento - in crescita - dell’ultimo anno è rispettato da tutte le regioni.
Addentriamoci ora nell’analisi dei dati del mese di marzo: 34.098 dichiarazioni di inizio lavori inviate al Centro operativo di Pescara dell’Agenzia delle entrate, un aumento di quasi il 36 per cento rispetto a febbraio.



Soltanto in due regioni, Campania e Molise, marzo ha registrato un dato inferiore a febbraio, ma lo scarto, come evidenziano le percentuali negative, -9 e -3 per cento, è minimo. Tutte le altre regioni hanno invece incrementato il dato con percentuali che vanno dal +75 per cento della Valle d’Aosta e della Provincia Autonoma di Bolzano al +12 per cento della Sardegna. Anche Trento ha avuto un aumento notevole, quasi il 72 per cento. La Basilicata con il suo 57 per cento precede le solite regioni del Nord che si attestano su aumenti che vanno dal +48 per cento dell’Emilia Romagna al +29 per cento della Liguria. Seguono le altre regioni meridionali che, con Toscana e Lazio, registrano aumenti meno eclatanti compresi fra il 25 e 16 per cento.



La classifica regionale dei numeri assoluti, invece, non si smentisce rispetto a tutti i mesi precedenti. Confermata la leadership della Lombardia, i primi posti restano invariati. Si segnala il sorpasso delle Marche sulla Puglia, dal decimo al nono posto. Trento e Bolzano, invece, salgono rispettivamente di tre e quattro posizioni, conquistando l’undicesimo e il diciassettesimo posto e fanalino di coda, di questa speciale graduatoria, è stavolta il Molise scavalcato dalla Basilicata. Diamo un’occhiata ora ai dati provinciali. Le prime due posizioni restano invariate, ad appannaggio di Milano e di Bologna, che comunque incrementano il numero di ristrutturazioni agevolate, rispettivamente, del 42 e del 44 per cento circa.



Torino, al terzo posto, scavalca Roma, con 1.726: la capitale (1.696) perde una posizione pur incrementando il suo dato del 24 per cento circa. Genova e Modena restano al quinto e sesto posto mentre salgono di tre posizioni Venezia e Bergamo, e di sei Trento. Fra le prime venti province troviamo - rispetto a febbraio - una new entry, Reggio Emilia: dalla classifica scompare Ravenna. Salire o scendere in questa graduatoria non significa che in certe regioni si e` ristrutturato di piu` o di meno che nel passato. Infatti, tutte le province crescono in termini di numeri assoluti rispetto al mese precedente, rispettando l’andamento regionale.

Sonia Angeli
Fonte: www.fiscooggi.it © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa