CONTRIBUTI PER GLI IMPIANTI SOLARI TERMICI

29/05/2007

4.177 volte
Sulla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana n. 24 del 25 maggio scorso è stato pubblicato il Decreto dell’Assessorato all’Industria 16 aprile 2007 recante “Bando per la concessione di contributi per la realizzazione del programma solare termico.”.
Il Bando è stato emanato in riferimento alle norme del settore ed all’accordo istituzionale di programma in materia di produzione di energia da fonti rinnovabili, stipulato tra il Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e la Regione siciliana in data 7 maggio 2002, che alla lett. d) prevede l'attuazione di un "Primo bando regionale nell'ambito del programma solare termico" per la realizzazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento dell'acqua delle piscine.
Con il bando vengono disciplinate le procedure per la richiesta di concessione e per l'erogazione del contributo pubblico per la realizzazione di interventi di installazione di impianti solari termici.
Possono essere ammessi agli incentivi finanziari previsti dal bando gli interventi di nuova installazione, sul territorio siciliano, di impianti a pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria, riscaldamento dell'acqua delle piscine, climatizzazione degli ambienti e per la produzione di calore di processo.
In particolare, per impianti solari termici si intendono:
  • impianti a collettori piani con vetro (con o senza serbatoio d'accumulo);
  • impianti a collettori sottovuoto;
  • impianti a collettore ed accumulo integrati.
Il bando disciplina le procedure per la richiesta di concessione e per l'erogazione del contributo pubblico, nella misura massima del 30% del costo d'investimento ammesso - nel quale non è computata l'IVA - per la realizzazione di interventi d'installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria, riscaldamento dell'acqua delle piscine, climatizzazione degli ambienti e per la produzione di calore di processo.
Il contributo pubblico disponibile per il finanziamento è pari E 2.032.856,58 così ripartite:
  • Euro 1.016.428,29 per le domande presentate da soggetti pubblici;
  • Euro 1.016.428,29 per le domande presentate da soggetti privati.
Tenuto conto delle garanzie che nella componentistica e nella installazione offrono le certificazioni di qualità e, ove richieste, le dichiarazioni di conformità o collaudo, e al fine di favorire il duraturo sviluppo del mercato, accompagnando l'incentivazione economica con azioni miranti anche al contenimento di prezzi, il contributo consiste in un finanziamento, in conto capitale, di importo proporzionale alla superficie di apertura dei collettori installati e differenziato a seconda della tipologia di questi.
Il contributo, espresso in euro, è calcolato con le seguenti modalità:
  • Collettori piani vetrati (con o senza serbatoio di accumulo) Euro 300,00 + 160,00 x sup;
  • Collettori a tubi sottovuoto Euro 300,00 + 240,00 x sup;
  • Collettori con accumulo integrato Euro 270,00 x sup.
Dove sup = superficie di apertura installata, espressa in m2.

Il contributo massimo erogabile per singola domanda è di E 30.000,00.
Per gli impianti di superficie d'apertura inferiore o pari a 10 m2, qualora venga installato volontariamente un contatore di calore (esterno o interno al gruppo di regolazione), potrà essere concesso un ulteriore contributo pari ad E 100,00. L'intenzione di installare un contatore dovrà essere dichiarata nel modello 2 - scheda descrittiva d'intervento.

Possono formulare una sola istanza di contributo le seguenti categorie di richiedenti:
  • soggetti pubblici;
  • soggetti privati, escluse le imprese.
Le spese ammissibili costituenti il costo d'investimento, in base al quale verrà calcolato il contributo pubblico nei limiti di cui all'articolo 3, sono riferibili esclusivamente alle seguenti voci:
  • progettazione, direzione lavori, collaudo degli impianti;
  • fornitura dei materiali e dei componenti necessari alla realizzazione degli impianti;
  • installazione e posa in opera degli impianti;
  • oneri per la sicurezza;
  • dispositivi per il monitoraggio delle prestazioni del sistema;
  • eventuali opere edili strettamente necessarie e connesse all'installazione degli impianti.
I prezzi unitari delle singole voci di spesa devono essere desunti dal vigente prezzario regionale e, ove manchino i riferimenti, devono essere ricavati da specifiche analisi, eventualmente riferite ai prezzi medi di mercato.

Le domande, redatte sulla base dell'allegato modello 1 - Richiesta di contributo - compilato in ogni sua parte e debitamente sottoscritto, dovranno essere inviate, unitamente alla documentazione, al seguente indirizzo:
Regione siciliana - Assessorato dell'industria
Dipartimento industria - servizio II, risorse minerarie ed energetiche
Via Ugo La Malfa, 87/89 - 90146 Palermo.

Sono allegati al bando e ne formano parte integrante e sostanziale i seguenti allegati:
  • allegato A - specifica tecnica;
  • allegato B - contratto di garanzia dei risultati solari;
  • allegato C - modello 1 - schema domanda di contributo;
  • allegato D - modello 2 - scheda descrittiva dell'intervento;
  • allegato E - modello 3 - dichiarazione di inizio lavori;
  • allegato F - modello 4 - dichiarazione fine lavori - domanda di liquidazione;
  • allegato G - modello 5 - dichiarazione di conformità;
  • allegato H - modello 6 - dati produzione impianto.
  • A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa