UN MILIONE DI EURO PER ABBATTERE LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

22/06/2007

1.712 volte
Favorire il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati. E’ il motivo per cui è stata approvata in Giunta una delibera presentata dall’assessoreai Lavori Pubblici e Politica della Casa Bruno Astorre che, grazie all’approvazione della graduatoria regionale per l’anno 2006, porterà ad un finanziamento complessivo di 1.000.000 di euro per 161 interventi nel Lazio, secondo la disponibilità economica come da bilancio di previsione regionale per l’anno 2007.

Secondo parametri ben definiti, la Regione approva una graduatoria annuale delle domande (presentate entro il 1° marzo di ogni anno), nella quale vengono inserite prima le richieste presentate da cittadini con invalidità totale, seguendo l’ordine cronologico della data di presentazione e, successivamente, le domande presentate da cittadini con invalidità parziale, sempre seguendo l’ordine cronologico della data di presentazione.

“Prosegue l’impegno della Giunta – ha detto il Presidente Marrazzo - per migliorare la qualità della vita di tante persone disabili. Se le istituzioni devono avere a cuore le esigenze dei cittadini, a maggior ragione devono dare risposte a quanti vivono in una condizione difficile e più degli altri hanno bisogno della responsabilità e della sensibilità di chi amministra la cosa pubblica”.

“Ritengo importantissimi tali contributi – ha sottolineato l’Assessore Astorre - Al tempo stesso, sono conscio delle esigenze dei cittadini che, per limiti economici delle casse pubbliche, non riescono subito ad accedere al contributo. Proprio per questo, però, valuto prezioso tale intervento, frutto di una prospettiva di risanamento finanziario che – sono convinto – ci permetterà di distribuire maggiori finanziamenti nel prossimo futuro”

a cura di www.regione.lazio.it


© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa