CHIARIMENTI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

17/09/2007

2.901 volte
In caso di stipula di un contratto di mutuo per la costruzione della “prima casa”, i relativi interessi passivi sono detraibili anche se, in mancanza di una espressa indicazione di tale circostanza nel contratto medesimo o nella dichiarazione rilasciata dall’istituto bancario, la finalità del prestito risulta da una dichiarazione sostitutiva di atto notorio resa dal contribuente.
Così si è espressa l’Agenzia delle Entrate nella Risoluzione n. 241/E del 7 settembre 2007, in risposta ad un’istanza di interpello relativa alle condizioni di detraibilità degli interessi passivi sui mutui accesi per la costruzione dell’abitazione principale.

Come noto, l’art. 15, comma 1-ter, del D.P.R. 22 dicembre 1986 n. 917 prevede la detraibilità dall’imposta sul reddito delle persone fisiche del 19% dell’ammontare complessivo, fino a 2.582,28 euro, degli interessi passivi derivanti da mutui contratti per la costruzione di unità immobiliari, da adibire ad abitazione principale.
Le modalità applicative della detrazione sono state individuate con il D.M. 30 luglio 1999 n. 311, il quale ha previsto, tra l’altro, che nella documentazione da conservare ai fini di un’eventuale esibizione all’Amministrazione finanziaria è compreso il contratto di mutuo da cui deve risultare che lo stesso è stato stipulato per la costruzione dell’abitazione principale.

Sul tema, riportandosi a precedenti chiarimenti forniti a proposito della detraibilità degli interessi passivi nell’ipotesi di mutui relativi all’acquisto della “prima casa”, la citata R.M. 241/E/2007 richiama le medesime modalità di attestazione della finalità del prestito anche nel caso in cui questo finanzi la costruzione dell’abitazione principale.
In particolare, in assenza dell’espressa indicazione, contenuta nel contratto o nella dichiarazione resa dall’istituto bancario, relativa alla destinazione del mutuo alla costruzione della “prima casa”, l’Amministrazione ha chiarito che tale finalità può essere desunta dalla dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa dal contribuente ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000.

In sostanza, ai fini della detraibilità degli interessi passivi, lo scopo del finanziamento deve risultare dal contratto di mutuo o, in via subordinata, dalla dichiarazione resa dall’istituto bancario, e, solo in assenza di queste, il contribuente può dimostrare la finalità del prestito fornendo la citata autocertificazione.

Fonte: ANCE
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa