PROGETTAZIONE IMPIANTI ELETTRICI SENZA SICUREZZA

10/09/2007

2.896 volte
Sicurezza degli impianti elettrici in alto mare. La bozza di regolamento messa a punto dal Ministero dello Sviluppo Economico prevede una gestione della sicurezza per quanto concerne gli impianti elettrici molto “leggera”. Gli interventi vengono, infatti, classificati sulla base di parametri puramente quantitativi senza alcuna considerazione della complessità dell’intervento.
Secondo il comma 2 dell’art. 5 del nuovo regolamento, la progettazione di interventi di installazione, trasformazione e ampliamento di impianti di potenza inferiore a 6 kW installati in unità abitative di superficie non superiore a 400 mq, può essere affidata a qualsiasi installatore che autoreferenziandosi riesce a provare o meno la sua professionalità.

Considerato che quasi la totalità di utenze domestiche (di superficie inferiore a 400mq) è servita da impianti con potenza variabile tra i 3 e i 4,5 kW, la nuova normativa non offre più nessuna garanzia al consumatore, come se l’elettricità che serve questi impianti non apportasse alcun danno!

Ma non è tutto!Secondo quanto affermato in una lettera inviata alla sezione affari normativi del Consiglio di Stato dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri e dei Periti Industriali, il nuovo regolamento non solo non offre alcuna garanzia nella progettazione degli impianti più comuni ed utilizzati, ma comporta l’abrogazione illegittima della norma primaria in materia di sicurezza degli impianti elettrici, cioè la legge 46/1990 relativa appunto alle “norme per la sicurezza degli impianti”.

A cura di Gianluca Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa