VARATA DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI LA MANOVRA PER IL 2008

02/10/2007

2.442 volte
Il Consiglio dei Ministri del 28 settembre ha varato la manovra per il 2008 approvando in via preliminare il disegno di legge finanziaria per il 2008 e il decreto legge di accompagnamento. In particolare gli interventi approvati dal Consiglio dei Ministri si articolano nel decreto-legge collegato per 7,5 miliardi di euro con effetti immediati sul 2007 e nel disegno di legge finanziaria per gli anni 2008-2010 del valore di 11 miliardi.

Il decreto legge prevede riduzioni fiscali per 2,2 miliardi di euro e investimenti per circa 3,4 miliardi. In questo ambito, sono stati destinati 910 milioni in aiuti alla cooperazione allo sviluppo, 500 milioni di euro per l'anticipo del contratto del pubblico impiego e 150 milioni aggiuntivi per il capitolo 5 per mille.

Il disegno di legge finanziaria, la cui entità è inferiore di oltre un terzo alla manovra dello scorso anno, è interamente dedicato a equità e sviluppo, non dovendo destinare risorse alla riduzione del deficit. Le risorse sono reperite attraverso maggior gettito per 6,3 miliardi di euro e tagli di spesa per 4,6 miliardi.

Questi i principali provvedimenti fiscali di interesse contenuti nel decreto-legge e nel disegno di legge:
Nel ddl vi sono novità e semplificazioni degli adempimenti fiscali sono previste per circa un milione di piccoli imprenditori. Per le imprese l'IRES scende di 5 punti e mezzo, dal 33 al 27,5%, a partire dal 1° gennaio 2008. Di questo taglio potranno beneficiare anche le società di persone e le ditte individuali che reinvestono gli utili in azienda. Anche l'IRAP cala significativamente, passando dal 4,25 al 3,9%. Il complesso delle misure fiscali di semplificazione e taglio delle aliquote non avrà costi per lo Stato.

In particolare, nel decreto-legge è previsto, come anticipo spese per il 2008, alle FF.SS. 1,03 miliardi di euro e all'ANAS 215 milioni.

Per quanto concerne le infrastrutture:
- 150 milioni di euro alle opere infrastrutturali nelle città per il 150esimo anniversario dell'Unità d'Italia;
- 80 milioni di euro per la Salerno-Reggio Calabria;
- 1,38 miliardi di euro per la mobilità urbana (metro C Roma, mobilità Milano, metro Napoli, Mose Venezia e altro);
- 550 milioni per l'edilizia residenziale pubblica.

Con la riqualificazione della spesa pubblica si reperiscono risorse per 3,72 miliardi di euro nel 2008, 3,89 nel 2009, 4,05 nel 2010. Un risultato che è conseguito attraverso il miglioramento della gestione e manutenzione degli immobili pubblici, la razionalizzazione del bilancio dello Stato, minori spese per acquisti di beni e servizi e risparmi derivanti da proposte di razionalizzazione nei singoli ministeri. Il complesso delle norme tese a ridurre i cosiddetti "costi della politica" produrrà a regime un risparmio di 1 miliardo di euro, con riflessi virtuosi sul bilancio dello Stato, sul Patto di stabilità interno e sui bilanci delle società partecipate.

Fonte OICE
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa