SI DEL SENATO AL DLGS DIRETTIVA QUALIFICHE

19/10/2007

2.835 volte
Continua spedito, ma con significativi intoppi, l’iter per la definitiva approvazione e pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dello schema di Decreto Legislativo recante “Attuazione della direttiva 2005/36/CE, relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali” su cui hanno espresso parere favorevole lo scorso 10 ottobre le Commissioni riunite II Giustizia e X Attività produttive della Camera dei deputati e su cui si sono appuntati gli strali del Comitato unitario delle Professioni (CUP) che nell’assemblea del 12 ottobre scorso aveva contesta il surrettizio riconoscimento delle Associazioni professionali non regolamentate ed aveva “denunciato che tale riconoscimento era illegittimo in quanto esulava dalla delega conferita al Governo e anticipa un nodo importante della riforma, palesando la totale indisponibilità della maggioranza a costruire un percorso condiviso con tutti gli operatori del settore”.

E’ del 17 ottobre scorso il parere favorevole con osservazioni espresso dalla Commissione Giustizia (II) del Senato che valuta positivamente lo schema di decreto legislativo, attuativo della direttiva comunitaria 2005/36/CE del Parlamento Europeo e che formula alcune osservazioni di dettaglio ma con una di notevole importanza in cui esprime perplessità in merito alla norma di cui all'articolo 25 dello schema di decreto legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri ove si prevede che alla individuazione delle c.d. “piattaforme comuni”, ovvero dei criteri per uniformare i “curricula formativi” previsti nei vari Stati comunitari, partecipino - nel caso di professione già regolamentata - gli ordini, i collegi e le associazioni di categoria rappresentative a livello nazionale ed - in caso di professione non ancora regolamentata in Italia - esclusivamente le associazioni di categoria rappresentative a livello nazionale.
Tale norma, conducendo di fatto al riconoscimento di professioni non regolamentate, potrebbe configurare un eccesso di delega rispetto alla direttiva, atteso che l'ambito di applicazione di quest'ultima è limitato alle professioni c.d. regolamentate.
La norma in esame finirebbe - paradossalmente - per configurare tali associazioni (non ancora riconosciute in Italia) quali interlocutori legittimati a livello europeo, potendosi anche astrattamente configurare il loro riconoscimento surrettizio. Tra lo schema di decreto in esame ed i provvedimenti volti a riformare le professioni, vi è una stretta correlazione della quale non può non tenersi conto.

La Commissione Giustizia del Senato, dunque, è sulla stessa lunghezza d’onda del CUP che aveva contestato, come già avevamo fatto cenno prima “il surrettizio riconoscimento delle Associazioni professionali non regolamentate operato dalle Commissioni Giustizia e Attività produttive della Camera nel decreto legislativo di recepimento della Direttiva sulle qualifiche professionali 36/2005”.

La telenovela continua.

A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa