Prodotti nel carrello(3)

prodottoInserito
banner
Notizie - AMBIENTE
Letta 958 volte   

Dissesto idrogeologico: un milione di euro al giorno per riparare i danni

- A 1 utente piace questa notizia
foto Notizia
Segnala ad un amicoSegnala ad un amico
Stampa Stampa notizia

12/12/2012 - "Per riparare i danni del maltempo spendiamo un milione di euro al giorno. Solo nell'ultimo triennio - dalla colata di fango in provincia di Messina a inizio ottobre 2009 - lo Stato ha stanziato, infatti, più di un miliardo di euro per le emergenze causate da eventi calamitosi di natura idrogeologica in tredici Regioni".

Cifre molto elevate che coprono però solo una parte degli ingenti danni censiti in conseguenza di frane e alluvioni. In Sicilia, Veneto, Toscana e Liguria, le regioni colpite dagli eventi più gravi in questi ultimi 3 anni, è andato l'80% delle risorse stanziate, ma i danni ammontano a 2,2 miliardi di euro circa, quasi il triplo delle risorse messe a disposizione dei Comuni colpiti. Il restante 20% dei fondi per l'emergenza è andato alla Calabria, la Campania, la Puglia, le Marche, l'Abruzzo, l'Emilia, il Piemonte, il Friuli e la Basilicata.

Nel frattempo la prevenzione tarda ad arrivare. A fronte di una spesa prevista di 44 miliardi, negli ultimi 10 anni solo 2 miliardi di euro sono stati erogati per attuare gli interventi previsti dai Piani di assetto idrogeologico (PAI) redatti dalle Autorità di bacino, per uno stanziamento totale di 4,5 miliardi di euro. Fondi che sono destinati a coprire solo i lavori più urgenti, ovvero 4.800 interventi considerati di "maggior urgenza" su un totale di 15mila interventi previsti da tutti i PAI.

La metà circa di queste risorse è stata stanziata attraverso gli accordi di Programma siglati tra il Ministero dell'ambiente e le Regioni, proposti a partire dal disastro di Messina del 2009 e siglati tra il 2010 e il 2011. Ma ancora oggi dei 2,1 miliardi messi in campo attraverso il cofinanziamento Ministero-Regioni, solo 178 milioni sono stati effettivamente erogati e solo il 3% degli interventi previsti è stato realizzato o è in corso di realizzazione.

Per pianificare e programmare le politiche territoriali considerare gli effetti dei cambiamenti climatici è una realtà imprescindibile. Soltanto dai dati registrati dai pluviometri in occasione dei principali eventi recenti, si nota come in poche ore sia piovuto più della metà di quanto avveniva mediamente in un anno. La distribuzione delle precipitazioni nell'arco dell'anno risulta, inoltre, molto disomogenea, con periodi di forti piogge e altri di forte siccità, come illustrano l'estate appena trascorsa e gli eventi legati al maltempo delle ultime settimane.

I fenomeni metereologici intensi hanno perso la loro eccezionalità per diventare sempre più frequenti, come confermano i dati Ispra (Annuario dei dati ambientali 2011, Ispra 2012) relativi alla quantità di pioggia caduta nei principali eventi alluvionali dal 2009 ad oggi. In Sicilia, invece, nell'evento del 2009 la quantità di pioggia caduta in una sola giornata è stata pari al 78% della precipitazione media annua di tutta la regione. Negli eventi alluvionali della Toscana del 2010 e 2011, in una sola giornata, la quantità di pioggia caduta sul suolo è stata pari a circa il 40% delle precipitazioni medie annue della regione. In Liguria la quantità di pioggia caduta nelle due giornate più critiche del 2011 tra fine ottobre e inizio novembre ha superato il 65% della piovosità media annua della regione. E se frane e alluvioni non sono purtroppo una novità nel nostro Paese, i dati disponibili dal 1948 al 2011 mostrano come le regioni colpite siano raddoppiate negli ultimi dieci anni, passando da quattro a otto.

"Il dibattito è tuttora incentrato su come reperire le risorse da destinare al contrasto del rischio idrogeologico, che è un punto fondamentale - commenta il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza - Occorre anche chiedersi, però, quale debba essere un'efficace politica di prevenzione e difesa del suolo, che non si limiti a interventi puntuali. Serve un Piano nazionale che preveda un'azione urgente ed efficace per la mitigazione del rischio, che stabilisca strumenti e priorità d'intervento e formuli una nuova proposta di gestione del territorio. Per questo è necessario il coinvolgimento di tutti i soggetti portatori d'interesse: la comunità scientifica, gli esperti, gli enti competenti, le amministrazioni locali interessate, il mondo dell'agricoltura, le associazioni ambientaliste e i cittadini che vivono nei territori a rischio. Inoltre - aggiunge Cogliati Dezza - la manutenzione del territorio assume un ruolo cruciale, soprattutto se tradotta in presidio territoriale svolto dalle Comunità locali. Infine si dovrà applicare una politica attiva di "convivenza con il rischio", sistemi di previsione delle piene e di allerta e piani di protezione civile aggiornati, testati e conosciuti dalla popolazione".

Fondi stanziati per le principali emergenze idrogeologiche in Italia negli ultimi 3 anni

n° Ordinanza di Protezione Civile

Contenuto

Fondi stanziati (euro)
3815 del 10/10/2009

Eccezionali avversità atmosferiche ottobre 2009 provincia di Messina (Giampilieri).

60.000.000

3847 del 05/02/2010

Eventi meteorologici province di: Pordenone - Udine (maggio/giugno 2009); Treviso - Vicenza (giugno 2009);

Friuli-Venezia Giulia (dicembre 2009).

10.000.000

3848 del 12/02/2010

Interventi urgenti di protezione civile eventi meteorologici Regioni Emilia-Romagna, Liguria e Toscana di dicembre 2009 - gennaio 2010.

20.000.000

3849 del 19/02/2010

Situazione di grave criticità comune di Casamicciola Terme (Napoli) novembre 2009

38.200.000

3850 del 02/03/2010

Eccezionali eventi meteorologici regioni Emilia-Romagna, Liguria e Toscana  dicembre 2009 - gennaio 2010.

20.000.000

3862 del 31/03/2010

Dissesti idrogeologici Regione Calabria febbraio 2010 (Maierato)

15.000.000

3865 del 15/04/2010

Dissesti idrogeologici provincia di Messina febbraio 2010 (San Fratello) e ottobre 2009 (Giampilieri).

70.170.000

3868 del 21/04/2010

Situazione di emergenza frana di Montaguto (AV)

2.500.000

3880 del 03/06/2010

Dissesto idrogeologico comune di Belvedere Marittimo (CS) gennaio 2009

700.000

3882 del 18/06/2010

Eventi alluvionali regione autonoma Friuli-Venezia Giulia dicembre 2009

1.000.000

3899 del 24/09/2010

Eventi atmosferici Veneto

824.400

3903 del 22/10/2010

Contributi per l'alluvione in Liguria

10.000.000

3906 del 13/11/2010

Disposizioni per il maltempo in Veneto

300.000.000

3908 del 24/11/2010

Interventi urgenti per il maltempo in Provincia di Salerno dell'8, 9 e 10 novembre 2010

5.000.000

3909 del 4/12/2010

Interventi per il maltempo in Liguria

1.500.000

3911 del 10/12/2010

interventi per il maltempo in Emilia Romagna e l'alluvione in provincia di Parma

1.500.000

3912 del 22/12/2010

Interventi per il maltempo in Friuli Venezia Giulia

2.000.000

3914 del 22/12/2010

Interventi per il maltempo in Provincia di Salerno (Atrani e Scala)

1.500.000

3915 del 30/12/2010

Interventi per il maltempo in Provincia di Lucca e Massa Carrara

2.500.000

3918 del 18/01/2011

Interventi urgenti di protezione civile per il maltempo in Calabria

7.000.000

3920 del 28/01/2011

Interventi per fronteggiare i danni occorsi a La Spezia nel novembre e dicembre 2010

2.000.000

3922 del 09/02/2011

ulteriori disposizioni per il maltempo in provincia di Salerno dell'8, 9 e 10 novembre 2010

5.000.000

3925 del 32/02/2011

Esigenze per eventi calamitosi 31 ott. – 1 nov. 2010 che hanno colpito il territorio delle province di Lucca e Massa Carrata

4.911.000

3961 del 02/09/2011

Disposizioni dirette a fronteggiare i danni per gli eventi calamitosi nei mesi di ottobre 2009 e febbraio 2010 a Messina

90.800.000

3972 del 04/11/2011

Disposizioni urgenti per gli eccezionali eventi alluvionali che hanno colpito la Liguria a ottobre, novembre e dicembre 2010

45.000.000

3973 del 05/11/2011

Primi interventi urgenti per le eccezionali avversità atmosferiche di ottobre 2011 nella provincia di La Spezia

49.500.000

3974 del 05/11/2011

Primi interventi urgenti per le eccezionali avversità atmosferiche di ottobre 2011 nella provincia di Massa Carrara

80.000.000

3980 dell'11/11/2011

Disposizioni urgenti di protezione civile:

10.000.000 Messina (Giampilieri)

10.000.000 Messina (Giampilieri)

10.000.000 Piemonte

10.000.000 La Spezia

  2.751.740 Cogoleto (Ge)

42.751.740

3984 del 25/11/2011

Primi interventi per i danni causati dagli eccezionali eventi meteorologici in Basilicata tra il 18 febbraio e l'1 marzo 2011

14.500.000

3988 del 22/12/2011

primi interventi per fronteggiare i danni per gli eccezionali avversità atmosferiche in Puglia a marzo 2011

1.600.000

3993 del 21/01/2012

iniziative volte a fronteggiare i danni conseguenti alle avversità atmosferiche nei mesi di ottobre e novembre 2011 in Liguria

7.418.000

4002 del 16/02/2012

disposizioni urgenti per fronteggiare le alluvioni del 7 novembre 2011 sull'Isola d'Elba

5.000.000

4005 del 23/02/2012

disposizioni urgenti di protezione civile per il maltempo in Piemonte a marzo e a novembre 2011

10.100.000

4015 del 23/03/2012

ulteriori disposizioni per fronteggiare i danni dell'alluvione all' Isola d'Elba del 7 novembre 2011

3.000.000

5 del 10/06/2012

Interventi per i danni conseguenti agli eccezionali eventi alluvionali della provincia di Teramo l'1,2 e 3 marzo 2011

25.000.000

6 del 10/06/2012

Interventi per i danni conseguenti alle avversità atmosferiche nei primi giorni del mese di marzo 2011 nella regione Puglia

3.000.000

7 del 10/06/2012

Interventi per i danni conseguenti agli eccezionali eventi alluvionali che hanno colpito la regione Marche nei giorni dal 1° al 6 marzo 2011

25.000.000

8 del 14/06/2012

interventi urgenti per i danni per le eccezionali avversità atmosferiche del 22 e 23 novembre 2011 nelle province di Catanzaro, Reggio Calabria e Crotone

6.000.000

11 del 25/06/2012

Interventi per i danni conseguenti alle avversità atmosferiche che hanno interessato la provincia di Messina a febbraio e marzo 2011 e il 22 novembre 2011

48.000.000

TOTALE FONDI STANZIATI (dal 10/10/2009 al 25/06/2012)    

1.037.975.140

 

Fonte: Elaborazione Legambiente su dati delle Ordinanze di Protezione Civile



Vuoi restare aggiornato su questo argomento?
Segui la nostra redazione anche su Facebook e Twitter

[Riproduzione riservata]



Commenta con Facebook
Commenta con LavoriPubblici.it






log reg user photo
carrello modifica carrello
cassa

punteggiato

Vai alla cassa
Contatta il callcenter

I piú cliccati

punteggiato
1

Architetto - Manuale...

copertina

€ 30.00
€ 25.50
aggiungi al carrello


punteggiato
2

Calcoli di ingegneri...

copertina

€ 35.00
€ 29.75
aggiungi al carrello


punteggiato
3

Prontuario dell'Inge...

copertina

€ 49.90
€ 42.42
aggiungi al carrello


punteggiato
4

Statica e consolidam...

copertina

€ 48.00
€ 40.80
aggiungi al carrello


punteggiato
5

SICILIA: nuovo Prezz...

copertina

€ 14.90
€ 12.67
aggiungi al carrello


punteggiato

copertina

Per una cultura del paesaggio


Grafill

Prezzo: € 35.00

Prezzo offerta: € 25.00

Descrizione

Il metodo agli stati limite risulta oggi poco diffuso e, sotto certi aspetti, rigettato dal ...continua


Acquista
copertina

Per una cultura del paesaggio


Grafill

Prezzo: € 35.00

Prezzo offerta: € 25.00

Descrizione

Il metodo agli stati limite risulta oggi poco diffuso e, sotto certi aspetti, rigettato dal ...continua


Acquista
copertina

Per una cultura del paesaggio


Grafill

Prezzo: € 35.00

Prezzo offerta: € 25.00

Descrizione

Il metodo agli stati limite risulta oggi poco diffuso e, sotto certi aspetti, rigettato dal ...continua


Acquista
copertina

Per una cultura del paesaggio


Grafill

Prezzo: € 35.00

Prezzo offerta: € 25.00

Descrizione

Il metodo agli stati limite risulta oggi poco diffuso e, sotto certi aspetti, rigettato dal ...continua


Acquista
copertina

Per una cultura del paesaggio


Grafill

Prezzo: € 35.00

Prezzo offerta: € 25.00

Descrizione

IIl metodo agli stati limite risulta oggi poco diffuso e, sotto certi aspetti, rigettato dal ...continua


Acquista
rigato
banner