Nuovo Codice dei contratti: Il Consiglio di Stato boccia il decreto sui livelli di progettazione

11/01/2017

11.249 volte

Il Consiglio di Stato ha reso noto il Parere 10 gennaio 2017, n. 22 sullo schema di decreto sulla definizione dei contenuti della progettazione in materia di lavori pubblici nei tre livelli progettuali, ai sensi dell’art. 23, comma 3, d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50 sospendendo l’espressione del parere stesso. In questo momento non siamo in possesso del Decreto entrato al Consiglio di Stato ma dal parere stesso possiamo desumere che si tratta di un corposo articolato composto da 38 articoli suddivisi nei seguenti cinque Capi:

  • Capo I (Disposizioni generali) comprendente gli articoli 1-5;
  • Capo II (Progetto di fattibilità tecnica ed economica) comprendente gli articoli  6-14;
  • Capo III (Progetto definitivo) comprendente gli articoli 15-24;
  • Capo IV (Progetto esecutivo) comprendente gli articoli 25-36;
  • Capo V (Entrata m vigore, disposizioni transitorie e abrogazioni) comprendente gli articoli 37 e 38.

Si tratta di un parere di quasi 50 cartelle in cui i Giudici di Palazzo Spada si esprimono sul decreto in argomento con pesanti rilievi sia di carattere generale che sui singoli articoli.

Il Consiglio di Stato conclude sospendendol'espressione del parere all'esito dell'istruttoria di cui motivazione” e motivando tale sospensione con le osservazioni e le condizioni formulate nel parere stesso. Nel parere i Giudici di Palazzo Spada precisano anche di dover disporre istruttoria, affinché il Ministero valuti, previa acquisizione dei pareri della Conferenza Unificata e di ITACA, l'adeguamento del decreto, segnalando nella relazione illustrativa in che punto e come si è intervenuti sul testo.

In allegato il parere 10 gennaio 2017, n. 22.

A cura di Redazione LavoriPubblici.it

© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa