ISTRUZIONI TASSA SULLE GARE

16/02/2006

4.853 volte
L'autorità di Vigilanza sui Lavori Pubblici ha fornito delle Istruzioni operative in merito alla deliberazione 26 gennaio 2006 recante “Indicazione delle modalità attuative dell'art. 1, commi 65 e 67, della legge 23 dicembre 2005, n. 266”.
Vengono fornite indicazioni alle Stazioni Appaltanti, alle imprese ed alle Società Organismi di Attestazione (SOA) in merito al comportamento da tenere durante il periodo transitorio secondo quanto stabilito dall'articolo 5 della deliberazione 26 gennaio 2006, nonché informazioni preliminari sul futuro sistema informativo di monitoraggio della contribuzione (SIMOG), attualmente in fase di progettazione.
Il periodo transitorio ha inizio dalla data di entrata in vigore della deliberazione, 20 febbraio 2006, e terminerà con l'avvio del sistema informativo, di cui si darà avviso sul sito dell'Autorità. Le disposizioni di cui alla deliberazione 26 gennaio 2006 si applicano esclusivamente al settore delle opere pubbliche indipendentemente dalla procedura di selezione adottata (evidenza pubblica, trattativa privata e cottimo fiduciario) e dall'importo, ivi inclusi i casi di “somma urgenza”.

Le SOA sono tenute al versamento della contribuzione nella misura del 2,5% del fatturato dichiarato nell'ultimo bilancio chiuso.
La SOA dovrà indicare quale causale del versamento la dicitura “Contributo SOA” seguita dalla propria denominazione.

La stazione appaltante dovrà indicare quale causale del versamento: la denominazione della stazione appaltante; l'oggetto del bando di gara, della lettera di invito o comunque una descrizione che permetta di identificare la procedura di selezione.
Allorchè il sistema informativo di monitoraggio delle Gare (SIMOG) sarà operativo, la stazione appaltante che intenderà avviare una procedura di selezione si connetterà al sistema, per il tramite di un proprio dipendente funzionale (Responsabile SIMOG Stazione Appaltante - RSSA) dotato di proprie credenziali.
Il sistema attribuirà alla procedura di selezione comunicata dal RSSA un codice identificativo (il codice è denominato CIG o Codice Identificativo della Gara). Il sistema provvederà inoltre a determinare l'importo della contribuzione a carico della stazione appaltante e quello a carico dei partecipanti. La Stazione Appaltante renderà noto il CIG ai partecipanti utilizzando i canali convenzionali (gazzette, bollettini, quotidiani, lettere di invito, ecc.).

I partecipanti devono indicare nella causale: la propria denominazione; la denominazione della stazione appaltante; l'oggetto del bando di gara, della lettera di invito o comunque una descrizione che permetta di identificare l'opera.
A regime, con l'attivazione del sistema SIMOG, i partecipanti alla procedure di selezione verranno a conoscenza dei codici di identificazione delle Gare (CIG) secondo i canali di pubblicità convenzionali già in uso per le procedure di selezione (bando, lettera di invito o qualunque richiesta formale o informale di presentazione dell'offerta). Il partecipante, munito del codice di identificazione e del proprio codice fiscale, dovrà effettuare il versamento presso gli sportelli di riscossione predisposti dall'Autorità, secondo modalità operative che saranno adeguatamente comunicate. A riprova dell'esito positivo della transazione di pagamento il contribuente otterrà una ricevuta. Tale ricevuta, in originale, dovrà essere allegata all'offerta a pena di esclusione dalla procedura di selezione.
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa