IVA RIDOTTA E DETRAZIONI

08/03/2006

4.540 volte
Come già comunicato nella nostra precedente news dell'1 marzo scorso la Comunità economica europea, con la direttiva 2006/18/CE del 14 febbraio 2006 pubblicata Sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea L51 del 22 febbraio 2006, ha deciso di prorogare sino al 2010 il regime di IVA agevolata sui servizi ad alta intensità di manodopera e, quindi, sulla manutenzione ordinaria e straordinaria.

Il provvedimento che modifica la precedente direttiva 77/388/CEE del 17 maggio 1977 è applicabile dal 1° gennaio 2006 e la decisione oltre che dall'Italia era attesa anche da Francia, Gran Bretagna, Spagna, Olanda, Belgio, Portogallo, Lussemburgo e Grecia.

Ma in Italia le speranze di chi contava su tale riduzione che si sarebbe aggiunta alla attuale detrazione IRPEF del 41% prevista dalla Finanziaria 2006 sono gelate dal viceministro dell'Economia Mario Baldassarri che ha ammesso un problema di copertura finanziaria.

Il 31 dicembre scorso è scaduto l'incentivo fiscale sulle ristrutturazioni nella formula "36+10" (36 per detrazione irpef e 10 per iva) e da gennaio si è passati alla formula "41+20" (41 per detrazione irpef e 20 per iva) ma la speranza di un "41+10" (41 per detrazione irpef e 10 per iva) viene vanificata dalla mancanza di una copertura finanziaria che dovrebbe essere dell'ordine di 150 milioni di euro. © Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa