APPALTI PRIVATI

15/03/2006

3.653 volte
Nell’articolo 26 della legge n. 109/1994, così come modificato dalla legge n. 311/2004 (Finanziaria 2005) vengono definite le modalità di adeguamento dei prezzi di un appalto pubblico nel caso in cui il costo dei materiali subisca variazioni significative (superiori al 10% rispetto al prezzo rilevato dal Ministero delle Infrastrutture nell’anno di presentazione dell’offerta) per effetto di circostanze eccezionali.

Si pone il problema di capire se tale meccanismo è applicabile anche ai lavori privati, nel caso in cui, nel contratto di appalto si faccia riferimento al citato articolo 26 della legge n. 109/1994 e la risposta è certamente positiva perché è lecito che le parti, nell’esercizio della propria autonomia contrattuale, disciplinino un appalto privato rinviando ad una specifica norma propria della legislazione sui lavori pubblici.

E’ da precisare, peraltro che il meccanismo di adeguamento del prezzo dei materiali va applicato ai lavori contabilizzati a partire dal 1° gennaio 2004 qualora si siano verificati incrementi significativi rispetto all’anno 2003.
La disposizione ha, pertanto, carattere retroattivo perché deve essere applicata anche ai contratti stipulati precedentemente all’entrata in vigore della citata legge n. 311/2004, purché l’incremento abbia avuto luogo nel 2004 rispetto al 2003 anche se l’offerta dell’impresa sia stata antecedente al 2004.
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa