IL COMPARTO A RILENTO

26/04/2006

1.853 volte
Cna Costruzioni ha rilevato che negli ultimi mesi si sono registrati segnali di rallentamento del settore edile preoccupanti per le piccole imprese.
Registrata negli ultimi 10 anni una crescita costante, adesso si teme che questo periodo di stasi (già in essere nell’ultimo quinquennio) possa portare ad una inversione nella tendenza.

Numerosi i motivi che portano a questa crisi: dall’assegnazione di tutte le risorse per i lavori pubblici alle grandi opere, ai lavori privati in calo, al ritorno del 20% come imposta IVA che ha portato ad una diminuzione delle domande per gli sgravi fiscali per le ristrutturazioni edili. Tutto a danno delle piccole imprese.

Il Cna auspica che con il nuovo codice degli appalti (seppur rivisitato) si possa favorire l’accesso alle imprese artigiane, facendo prevalere oltre la capacità finanziaria e organizzativa soprattutto quella esecutiva per evitare situazioni per le quali le imprese edili vengano relegate al solo subappalto proprio in considerazione della unica loro capacità di esecuzione delle opere.

Cna costruzioni chiede, poi, che sia ripresentata una proposta di legge per la regolamentazione dell’accesso al settore edile con l’obiettivo di crescita della professionalità degli operatori e la tutela di committenti e imprese qualificate.

© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa