PUBBLICAZIONE IN GAZZETTA

04/05/2006

3.291 volte
Il 1° luglio entrerà in vigore il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163 recante il "Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE" pubblicato sul supplemento ordinario n. 107 alla Gazzetta Ufficiale n. 100 del 2 maggio 2006.
Il nuovo codice, che consta di ben 257 articoli e 21 allegati, recepisce nella Repubblica Italiana le due direttive 2004/17/CE e 2004/CE/18, come è messo ben in evidenza nella titolazione del decreto legislativo stesso e contemporaneamente mette ordine nel corpo normativo relativo ai lavori pubblici realizzando un codice che abroga ben 29 tra leggi, decreti e regolamenti (tra le altre la legge n. 109/1994) ed oltre 100 articoli sparsi in circa 30 altre disposizioni di legge.

In linea teorica il Codice dovrà, quindi, essere applicato a tutti quei lavori i cui bandi ed avvisi vengono pubblicati dopo il 1° luglio mentre nel caso di contratti per i quali non è necessaria la pubblicità, il Codice dovrà essere utilizzato per tutti i contratti per i quali alla data del 1° luglio non sono ancora stati inviati gli inviti a presentare le offerte.
Ma in realtà si tratta di un provvedimento che avrà una fase transitoria molto complessa e lunga in quanto per entrare definitivamente a regime dovranno essere emanati il nuovo Capiutolato generale d’appalto ed il nuovo Regolamento che sostituiranno:
  • il Capitolato generale d’appalto di cui al DM n. 145/2000;
  • il precedente DPR n. 554/1999 (Regolamento di attuazione della legge n. 109/1994);
  • ed il DPR n. 34/2000 (regole sulla qualificazione delle imprese).
Ma il problema è più complesso in quanto in attesa del nuovo Regolamento di attuazione che dovrebbe essere emanato entro il 1° luglio 2007 e che dovrebbe rendere definitivamente operativo il nuovo Codice, le norme transitorie precisano che restano in vigore le precedenti norme e quindi il DPR n. 554/1999, il DPR n. 34/2000 ed il DM n. 145/2000 "nei limiti di compatibilità" con il nuovo codice.
Possiamo affermare, senza ombra di dubbio, che la legge n. 109/1994, il DLGS n. 157/1995 (appalti di servizi) ed il DLGS 358/1992 (forniture) e di forniture dall’1 luglio 2006 vengono abrogati, entrerà in vigore il nuovo Codice ed immaginiamo già i problemi applicativi che sorgeranno e che porteranno le Stazioni appaltanti o a verificare, di vota in volta, se le precedenti norme sono coerenti con quelle del nuovo Codice e, quindi, possano trovare ancora applicazione.

Vale la pena, poi, precisare che alcune norme, tra le quali quelle:
  • relative alle novità in materia di lavori, servizi e forniture affidati in economia;
  • le norme di cui all’articolo 240 sull’accordo bonario;
  • non entreranno in vigore subito ma tra un anno.
Sono, invece, subito applicabili dall’1 luglio le disposizioni sulla liberalizzazione degli appalti, che consentiranno alle pubbliche amministrazioni di appaltare soltanto i lavori o di utilizzare l’appalto integrato, affidando insieme progettazione e realizzazione delle opere.

Con file allegato il testo del Codice pubblicato nella Gazzetta Ufficiale. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa