SANZIONI PER ABBANDONO DI RIFIUTI

15/06/2006

14.828 volte
La nuova sanzione in vigore dal 30 aprile si applica all'autore di abbandono dei rifiuti. In base alla nuova norma, quando chi lascia questo tipo di rifiuti per strada è identificato, sarà obbligato dalla nuova norma a procedere alla rimozione, all'avvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti a proprie spese, in più dovrà pagare al Comune gli eventuali danni ambientali causati e le spese sopportate dal Comune per il ripristino dei luoghi.

Un giro di vite sulla questione dell'abbandono dei rifiuti "ingombranti".

Le maxi multe sono in arrivo per chi abbandona per strada televisori, water, scaldabagni, lavandini, frigoriferi o qualsiasi altro oggetto domestico ingombrante.

Anche se la norma è entrata in vigore il 30 aprile c'è ancora la cattiva abitudine di usare la strada come una pattumiera invece che rivolgersi ad una discarica autorizzata o richiedere i servizi appositamente predisposti dalle amministrazioni comunali.

Alcune hanno messo un vero e proprio tariffario, altri svolgono questo servizio gratis. La sanzione intanto per chi abbandona questo tipo di rifiuti è di 206 euro.

Lo stabilisce il nuovo Codice dell'Ambiente, il decreto legislativo n. 152/2006 (Codice ambientale), pubblicato sul supplemento ordinario n. 96/L alla Gazzetta Ufficiale del 14 aprile 2006.

Se l'abbandono dei rifiuti sul suolo riguarda oggetti non pericolosi e non ingombranti, la sanzione viene ridotta a 50 euro.

All'Unione Consumatori, che sollecitano la diffusione della notizia, spiegano che il nuovo codice prevede anche altre cose.
Se l'autore dell'abbandono viene identificato, ad esempio, gli obblighi sono numerosi.
Sarà obbligato a procedere alla rimozione, all'avvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti e, in più, dovrà pagare al Comune gli eventuali danni e le spese sopportate per ristabilire il "decoro" dell'ambiente.
Le stesse norme si estendono anche a chi abbandona un imballaggio terziario, quelli grandi, che generalmente sono usati come involucro per trasporto di maxi prodotti come elettrodomestici, maxischermo, eccetera.


a cura di Salvo Sbacchis
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa