ULTERIORI VOCI DI RINVIO

07/06/2006

2.490 volte
Ora del rinvio del "Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE" meglio conosciuto come "Codice degli appalti" ne parla, ufficialmente, l’On. Antonio Di Pietro, Ministro delle Infrastrutture.
Il Ministro all’uscita dal vertice del Governo tenutosi a San Martino in Campo (Pg) ha annunciato che il codice non entrerà in vigore l’1 luglio prossimo ma che per mezzo di un decreto-legge, il Governo disporrà una proroga di sei mesi facendo slittare l’entrata in vigore all’1 gennaio 2007.

L’On. Di Pietro ha precisato che "Una delle prime decisione prese è stato il rinvio del codice degli appalti perché c’è la necessità che ci sia più trasparenza, minori trattative private a vantaggio di non si sa bene chi. Si tratta di coniugare l’efficienza con la trasparenza".

Il Ministro ha continuato precisando che "Non è necessario fare un codice degli appalti subito ma occorre farlo bene" ed ha proseguito parlando del regolamento di attuazione precisando che "Il regolamento ha bisogno di revisione per essere più trasparente, limitando la possibilità di ricorrere alle cosiddette trattative private, di cui non si conoscono poi i destinatari e le modalità"

Dobbiamo, comunque, ricordare che il "Codice degli appalti" è nato in primo luogo per recepire le direttive europee 2004/17/CE e 2004/18/CE, per armonizzare la legislazione italiana in materia alle direttive stesse e per unificare in un solo testo tutte le leggi che riguardavano lavori, servizi e forniture.

E’ pur vero che il recepimento delle due direttive è automatico dall’1 febbraio scorso, ma è certo ch,e senza un nuovo testo legislativo, l’applicazione delle stesse avrebbe comportato e, certamente, comporterà, problemi legati al fatto che taluni nuovi istituti previsti elle due direttive (avvalimento, dialogo competitivo, .....) non erano, previsti nella legislazione italiana creando problemi di natura applicativa, riteniamo, di notevole entità.

E’ pur vero, però, che il nuovo "Codice degli appalti" di cui al D.Lgs. n. 163/2006, senza il nuovo Regolamento ed il nuovo Capitolato che devono essere emanati in attuazione dell’articolo 5 dello stesso, appare monco e certamente lo slittamento di 6 mesi annunciato dal Ministro delle Infrastrutture potrebbe essere di grande utilità se dovesse servire anche per la stesura e l’approvazione del nuovo Regolamento e del nuovo Capitolato. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa