NUOVE REGOLE PER PONTEGGI

12/06/2006

5.417 volte
La Provincia autonoma di Bolzano ha elaborato le nuove linee guida per la stesura del Piano di montaggio, uso e manutenzione (PIMUS) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D.Lgs. n. 235/2003.
Le line guida sono state predisposte dal gruppo di lavoro per la sicurezza in edilizia, presieduto dal direttore della Ripartizione lavoro Helmuth Sinn.

Le linee guida fanno riferimento a ponteggi metallici fissi di altezza superiore a 20 metri e le altre opere provvisionali, costituite da elementi metallici, o di notevole importanza e complessità in rapporto alle loro dimensioni ed ai sovraccarichi.
La Ripartizione lavoro invierà ora le linee guida alle organizzazioni dei lavoratori. Come sottolinea l'assessore competente Luisa Gnecchi la predisposizione di un piano ponteggi è complesso; con la predisposizione delle nuove linee guida si è inteso contribuire alla sua semplificazione: i punti essenziali che ogni piano dovrà contenere sono pertanto stati illustrati in modo sistematico.

In sede di rielaborazione delle linee guida sono state chiarite alcune questioni aperte, ad esempio quella connessa con la frequenza di un corso formativo di 28 ore da parte dei lavoratori edili e dei loro preposti. A tal proposito è stato stabilito che tutti coloro che lavorano nel settore edile da almeno due anni potranno seguire il corso entro i prossimi due anni. I primi corsi per montatori di ponteggi saranno organizzati quanto prima dal Comitato paritetico edile.
È stato chiarito, inoltre, il ruolo dei coordinatori della sicurezza in connessione con il Pimus. A tal proposito, è stato chiarito che il Pimus costituisce una parte rilevante del Piano sicurezza e deve essere predisposto dalla persona incaricata dal datore di lavoro.

Al coordinatore della sicurezza spetta il compito di coordinare il Pimus con gli altri piani, per evitare pericoli sul cantiere e quello di chiedere al datore di lavoro la predisposizione del Pimus stesso. In caso di pericolo imminente, il coordinatore dovrà far sospendere l'attività nel cantiere. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa