AUMENTO DEI TASSI

12/06/2006

1.981 volte
La Banca centrale europea, ospite giovedì 8 giugno della Banca di Spagna, ha aumentato il costo del denaro. Così aveva promesso, a maggio, così ha fatto.
Il presente aumento segue quello precedente del 2 maggio scorso che aveva portato i tassi dal 2,25 al 2,50.
I tassi di interesse ufficiali dal 2,50% sono passati al 2,75%, e saliranno ancora.

Il Presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet, ha rivelato che qualcuno, durante il consiglio di ieri, aveva proposto un rialzo più incisivo: 50 punti base, non 25. «Abbiamo valutato i pro e i contro, poi a schiacciante maggioranza abbiamo deciso».

Non aveva quindi del tutto torto chi, sul mercato, aveva messo in conto la possibilità di una scelta più netta e molti analisti prevedono che il tasso di riferimento potrà attestarsi nei prossimi mesi addirittura al 3,25 per cento.
Molti investitori si aspettano un rialzo a luglio oppure, dopo la pausa estiva, il 31 agosto: con un ritmo, quindi, più veloce. Trichet, però, non ha dato alcuna indicazione, se non le solite: la Bce ha mani libere, farà quel che deve quando deve, non ha sentieri prefissati da seguire. Ha solo ripetuto che, se le cose continueranno così, altri rialzi dei tassi sono «garantiti». © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa