RITORNA LA TASSA DI SUCCESSIONE

05/10/2006

23.815 volte
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 230 del 3 ottobre scorso è stato pubblicato il decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262 recante: “Disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria”.
Il decreto-legge, entrato in vigore lo stesso 3 ottobre, con l’articolo 6 titolato “Disposizioni in materia di imposte ipotecaria e catastali e di registro”, interviene sulle tasse di successione con il meccanismo dell’inasprimento delle imposte ipotecarie, catastali e di registro.

Dallo scorso 3 ottobre, quindi, la tassa di successione ritorna mascherata ed il Fisco torna a mettere le mani sugli atti di liberalità e sui trasferimenti per causa di morte con un aumento dell’imposta di registro e nel caso di immobili anche le imposte ipotecarie e catastali; non sono stati introdotti nuovi tributi, ma è bastato estendere agli atti di liberalità le imposte già esistenti.

Non è proprio la tassa di successione, quindi, ma poco ci manca.
Il meccanismo per le donazioni e le successioni prevede una franchigia per gli immobili trasferiti, sotto la quale si pagherà un’imposta catastale e ipotecaria forfettaria di 168 euro.
La soglia è fissata ad un valore catastale di 180 mila euro per le donazioni di prime case e di 250 mila euro per le successioni tra parenti in linea retta.
Per successioni e donazioni verso parenti oltre il quarto grado l'imposta di registro sarà del 2%, quella ipotecaria del 3% e quella catastale dell'1%.
Per le successioni ad altre persone aumenta solo l'imposta di registro, al 4%.
Nel caso gli immobili avessero valore più elevato della soglia, scatteranno imposte catastali, di registro e ipotecarie, del 3%.

Dalle imposte ipotecarie e catastali non si salva, quindi, nemmeno il coniuge, nel caso in cui gli venga donata la prima casa di valore superiore a 180 mila euro. Nel caso di successione del coniuge le imposte ipotecarie e catastali sono dovute se il valore supera i 250 mila euro mentre al di sopra di tale soglia la tassazione sarà del 3%.
Per chi non ha gradi di parentela, le imposte ipotecaria e catastale sono sempre dovute nella misura del 3%.

Per ricevere in eredità la casa del proprio genitore o del proprio coniuge, bisognerà pagare 168 euro fino ad un valore di 250mila euro; il 3% sulla quota di valore eccedente i 250mila euro.
L’imposta sarà dovuta per la trascrizione dei certificati di successione.
Per la donazione di un immobile o altri atti a titolo gratuito in favore del coniuge o di un parente in linea retta, bisognerà pagare 168 euro fino ad un valore di 180mila euro; il 3% oltre il valore di 180mila euro.
Per le trascrizioni in favore di soggetti diversi dal coniuge o di parenti in linea retta, bisognerà pagare comunque il 3%.

A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa