RISOLUZIONE PREVENTIVA DELLE CONTROVERSIE NELLE GARE

12/10/2006

3.211 volte
L’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture con un comunicato informa di avere messo a punto il Regolamento recante la procedura di soluzione delle controversie e il relativo formulario per l’inoltro delle richieste di parere.

Ricordiamo che la nuova procedura di risoluzione delle controversie è prevista dal comma 7 dell’articolo 6 del D.Lgs. n. 163/2006 (Codice dei contratti) in cui alla lettera n) viene precisato che “su iniziativa della stazione appaltante e di una o più delle altre parti, esprime parere non vincolante relativamente a questioni insorte durante lo svolgimento delle procedure di gara, eventualmente formulando una ipotesi di soluzione; si applica l'articolo 1, comma 67, terzo periodo, della legge 23 dicembre 2005, n. 266.”.
Ciò significa che l’Autorità di vigilanza gestirà la soluzione preventiva delle controversie tra stazioni appaltanti e imprese.

Il nuovo istituto è volto a tentare di dare una soluzione alle questioni insorte tra le parti durante lo svolgimento delle procedure di gara ma non è un mezzo alternativo di tutela quanto, piuttosto, una facoltà in più concessa alle parti.

Nel comunicato è precisato che l’Autorità formulerà i pareri, esclusivamente, alle richieste inoltrate ai sensi del suddetto regolamento e redatte utilizzando l’apposito modello. In riferimento, poi, alle questioni che rivestono carattere di generalità in materia di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, l’Autorità può provvedere ad unificare per tematiche le singole fattispecie, per l’emanazione di atti a valenza generale.

A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa