DDL MASTELLA IN STAND-BY

20/12/2006

2.648 volte
La riforma delle professioni, dopo un avvio molto intenso, rallenta il suo iter a causa di una difficoltà di approdo in Parlamento.
A distanza di due settimane dalla proposta del ministro della giustizia Clemente Mastella, nulla di fatto e di concreto in parlamento con la conseguenza del blocco complessivo dei lavori delle Commissioni legati alla riforma.

E’ in atto una discussione circa la decisione del metodo organizzativo delle audizioni per le commissioni giustizia e attività produttive della camera in seduta congiunta.
Diverse sono le proposte: acquisire informazioni da tutti gli ordini professionali, limitare le audizioni alle sole strutture interprofessionali, richiesta ai collegi di una memoria scritta, coinvolgimento dell’Antitrust, dei sindacati, delle categorie di rappresentanza dei consumatori.

Nulla di fatto, però, circa l’effettivo riscontro: ad oggi sono soltanto proposte senza alcun accordo in corso.
Giuseppe Chicchi, relatore alla camera per la Commissione attività produttive, ha dichiarato che per quanto concerne le audizioni occorrerà attendere dopo l’epifania e per le caratteristiche specifiche del testo di legge è ancora presto per sbilanciarsi.
L’idea è quella di mantenere a base il DDL del ministro Clemente Mastella, unitamente a tutte le proposte di legge messe a punto dal mondo delle professioni.

A cura di Paola Bivona
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa