DECALOGO ASSOEDILIZIA SUGLI SGRAVI FISCALI

23/01/2007

9.720 volte
L’Assoedilizia ha diffuso nei giorni scorsi un decalogo molto utile per quanto concerne le novità fiscali del 2007.
1. Manutenzione straordinaria. Per tutti coloro che hanno eseguito lavori di manutenzione straordinaria o restauro o adeguamento tecnologico su immobili e, quindi, soggetti a DIA ma non effettivamente presentata, è possibile procedere alla presentazione della denuncia di variazione catastale con la conseguente variazione dell’importo ICI.
2. Unità abitativa in microzone per le quali si sta procedendo al riclassamento catastale. Ricevuta la notifica di variazione del classamento catastale è possibile impugnarlo alle commissioni tributarie.
3. Tassa di scopo. E’ possibile che i comuni aumentino le aliquote ICI di un ulteriore 0,5 per mille per finanziare specifici progetti.
4. Irpef. E’ possibile che i comuni aumentino le aliquote IRPEF di un ulteriore 0,8% sull’imponibile di ogni contribuente.
5. Prima casa. Si ritorna alla tassazione del reddito ai fini Irpef. Occorrerà effettuare il calcolo dell’imposta dovuta sulla quale sarà possibile applicare la detrazione dovuta per legge.
6. Imposta di registro sulle vendite. Verrà calcolata sulla base del valore catastale rivalutato, sebbene nel rogito si inserirà il prezzo effettivamente pagato per l’acquisto.
7. Imposta di successione e donazione. Il sistema utilizzato è stato ampiamente descritto nella nostra precedenti notizie del 6 dicembre 2006 e del 4 gennaio 2007
8. Detrazione IRPEF per lavori di adeguamento. Se eseguono lavori edilizi di manutenzione straordinaria o di adeguamento della casa entro il 31.12.2007 è prevista la detrazione IRPEF dei costi nella misura del 36% annuo per la durata di 10 anni con un massimo di 48.000,00 euro a condizione che nella fattura venga evidenziato il costo della manodopera. Si ricorda che per tali fatture l’IVA è agevolata al 10%. Per gli interventi di risparmio energetico, poi, sono previste numerose agevolazioni fiscali e finanziarie.
9. Ritenuta di acconto per condomini. Per contratti di appalto ad oggetto opere o servizi riguardanti parti comuni di un condominio, quest’ultimo deve praticare una ritenuta di acconto pari al 4% sui corrispettivi dovuti all’appaltatore. La ritenuta in tale misura va effettuata su tutti i pagamenti a partire dal 1 gennaio 2007 seppur relativi a prestazioni precedenti e fatturate.
10. Controllo ipoteche. Per evitare problemi in caso di vendita di immobili viene consigliato un controllo generale sulla casa: qualche ente esattore ha proceduto all’iscrizione ipotecaria per imposte, tasse, multe e sanzioni inevase.

A cura di Paola Bivona
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa