OPERAZIONI ON LINE PER I PROFESSIONISTI

29/03/2007

3.831 volte
Dopo la sperimentazione dei geometri, al via la possibilità di aggiornamento del catasto fabbricati on line per tutti i professionisti.
Verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale nei prossimi giorni un apposito provvedimento dell’Agenzia del territorio.
Il provvedimento estende il Docfa telematico che consente l’accatastamento di unità immobiliari urbane e di nuove costruzioni e delle variazioni dello stato, della consistenza e della destinazione di beni precedentemente censiti su tutto il territorio italiano.
Il rinnovo, però, non si conclude.
Dal prossimo mese di maggio verrà estesa la procedura web anche al Pregeo per gli aggiornamenti del catasto terreni, in particolare per lottizzazioni, frazionamenti, denunce di variazioni di coltura.
Operazioni on line, dunque, per tutti i professionisti: oltre 60mila i tecnici ed i notai abilitati e 70% la percentuale degli atti trasferiti dal cartaceo al telematico.

Lo scorso 22 marzo si è svolta un’audizione alla commissione finanza e tesoro del senato, nella quale il direttore dell’agenzia del territorio Mario Picari, ha ribadito il punto di estensione del rinnovo.
Picari ha portato in aula un documento esplicativo dell’evoluzione per il triennio 2007-2009.
Gli allegati illustrati, in particolare sono due: “Missione, dati segnaletici, realizzazioni 2001-2006 e linee evolutive” e “Manovra finanziaria 2007. Azioni di contrasto all’evazione/elusione”.

Per quanto concerne il primo documento, i dati proposti sono:
  • 49,8 milioni le ispezioni e le certificazioni ipotecarie;
  • 42,2 milioni, il volume annuo delle visure e dei certificati catastali offerti ai cittadini;
  • 4,4 milioni le formalità di conservatoria;
  • 3,3 milioni le richieste di aggiornamento;
  • 800 mila le domande di voltura;
  • 2.100 le richieste di collegamento alla banca dati del Territorio dal 1° gennaio 2007.
Entro il prossimo mese di giugno verranno attivate su CERITEL, portale realizzato in collaborazione con Poste Italiane tutte le visure catastali ed ipotecarie.

Per quanto riguarda, poi, la lotta all’evasione, il direttore Picari ha fatto il punto della situazione sui provvedimenti che sono stati già adottati a seguito dell’emanazione della Finanziaria 2007, in particolare per quanto concerne l’accatastamento degli edifici ex-rurali, i fabbricati non dichiarati al catasto e quelli di categoria E.

A cura di Paola Bivona
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa