SCANIO-CUFFARO 1-1. LA FINALE IL 4 APRILE A ROMA.

27/03/2007

3.220 volte
Il 13 febbraio scorso un provvedimento firmato da tre ministri, Pecoraro Scanio per l’Ambiente e dagli altri due ministri, Livia Turco per la Salute e Pierluigi Bersani per lo Sviluppo economico, bloccava la costruzione di quattro termovalorizzatori siciliani: Bellolampo, Augusta, Paterno e Casteltermini.
Successivamente, a sorpresa, il Tar del Lazio accoglie in via cautelare il ricorso presentato dalle ditte che avevano già vinto le gare d’appalto per gli impianti. Il provvedimento del Tar, sospende una precedente sospensiva ministeriale rendendola non più esecutiva.

L’Atto di blocco dei lavori voluto da tre ministri del governo Prodi, congelava le autorizzazioni ai termovalorizzatori, per una riscontrata irregolarità nella procedura di valutazione delle emissioni in atmosfera degli inceneritori.
La società Actelios (gruppo Falck) che sta realizzando i termovalorizzatori siciliani (su progetto dell’architetto giapponese Poul Tange, figlio del noto Kenzo Tange) ha annunciato di avere ripreso i lavori tranne che per l'impianto di Casteltermini bloccato dal Cga per un altro ricorso.
Il provvedimento del Tar Lazio, anche se di valore “pre cautelare”, è una decisione che si pone di traverso tra i delicati interessi privati e pubblici: quelli che mirano a tutelare la salute e l’ambiente, e quelli delle ditte aggiudicate che devono sbloccare gli ingenti investimenti bloccati. Una empasse, in attesa dell’udienza finale attesa fra giorni, che ha fatto esultare il governatore della Sicilia, Totò Cuffaro, grande sostenitore degli inceneritori, e incupire i comitati per il NO agli inceneritori vincitori per il monento di una battaglia ma non della guerra.

“Il provvedimento del giudice amministrativo - commenta il presidente Totò Cuffaro - dimostra che la sospensiva governativa era una decisione politica, con nulla a che vedere con l’illegittimità dei provvedimenti adottati dal precedente governo.”
“Attendiamo - replica il ministro Pecoraro Scanio - l'udienza finale dinanzi al Tar per ribadire le ragioni che hanno portato alla sospensione delle autorizzazioni per le emissioni in atmosfera da parte dei tre ministeri, dell'Ambiente, dello Sviluppo economico e della Salute. Quello del Tar Lazio è un provvedimento pre cautelare senza contraddittorio tra le parti”.

Il provvedimento che bloccava i 4 temovalorizzatori, si ricorda, era stato firmato il 13 febbraio scorso da Pecoraro Scanio e dagli altri ministri, Livia Turco (Salute) e Pierluigi Bersani (Sviluppo economico). Provvedimento che però non mirava ad interrompere i termovalorizzatori ma aveva solo lo scopo di sospendere di sessanta giorni le autorizzazioni alle emissioni in atmosfera dei quattro impianti del piano regionale dei rifiuti in attesa di una decisone definitiva.
La partita decisiva, la patata bollente, quella “fisiologica” passata al Tar del Lazio, è quindi rinviata al 4 aprile prossimo, quando il tribunale amministrativo del Lazio dopo l’udienza finale, si troverà a decidere se confermare lo stop imposto dal Governo Prodi o dare l’avvio definitivo ai lavori come voluto dalla Regione.

A cura di Salvo Sbacchis
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa