AGGIORNAMENTO SU RUMORE, VIBRAZIONI ED AMIANTO

01/03/2007

6.428 volte
Roma, 8/9 marzo 2007
Aggiornamento alla luce delle novità su rumore, vibrazioni e amianto

Perché partecipare
- Per acquisire le conoscenze necessarie e gli strumenti pratici per la compilazione del DVR
- Per ottenere indicazioni metodologiche volte a garantire la corretta ed agevole predisposizione di tale adempimento
- Per ottemperare ad uno degli obblighi maggiormente impegnativi della normativa sulla sicurezza ed igiene del lavoro
- Per evitare le onerose sanzioni previste in caso di inadempienza.

DESTINATARI
Datori di lavoro, responsabili e addetti Servizio di Prevenzione e Protezione, consulenti e professionisti del settore

RELATORI
Ing. Andrea GUERRA
Consulente esperto di prevenzione, sicurezza ed igiene del lavoro.

PROGRAMMA

- Introduzione: cos'è il DVR.
Da adempimento burocratico a strumento pratico. Errori da evitare nella redazione del DVR.
- I contenuti del DVR. Riferimenti normativi e linee guida utilizzate per i controlli ispettivi aziendali dagli organi di controllo.
- Analisi delle risorse umane e tecniche per l'effettuazione della valutazione dei rischi. Quando e perché ricorrere ad eventuali risorse esterne.

- L'analisi e la valutazione dei rischi.
Progettazione del DVR:
- I fase: verifica conoscitiva (raccolta informazioni aziendali, identificazione obblighi documentali, check-up documentale, sopralluogo presso i luoghi di lavoro, acquisizione di documentazione)
- II fase: predisposizione della documentazione richiesta dal D. Lgs 626/94 - Strumenti pratici per la valutazione dei rischi (linee guida, buone prassi lavorative, strumenti informatici,applicazioni di metodi codificati di valutazione)
- Il coordinamento delle figure che supportano il DDL nella valutazione dei rischi (addetti e responsabili SPP, Medico Competente, RLS, lavoratori)
- La redazione del D.V.R.
- III fase: la gestione nel tempo del D.V.R. e della documentazione collegata (documentazione relativa alla informazione, formazione e addestramento, documentazione sanitaria, coordinamento della sicurezza con prestatori d'opera o imprese terze, altro)

- L'individuazione dei fattori di rischio per la sicurezza e per la salute.
Criteri di identificazione sulla base dell'analisi dei luoghi e postazioni di lavoro, delle attrezzature di lavoro, delle modalità lavorative, dell'organizzazione del lavoro, delle sostanze chimiche, pericolose, ed altro.
- La valutazione del rischio.
Aggiornamento su:
- esposizione a rumore. Misurazioni fonometriche e scelta dei d.p.i. Aggiornamento ex D. Lgs 195/2006;
- esposizione a vibrazioni. Banche dati e misurazioni in campo.
- esposizione ad amianto.

- La programmazione delle misure migliorative di prevenzione e protezione e loro attuazione temporale.
- Criteri di scelta delle misure di prevenzione collettive ed individuali (D.P.I.)
- Documentazione integrante il DVR (valutazione esposizione a rumore e a vibrazioni, indagini microclimatiche, indagini illuminotecniche, caratterizzazione posti di lavoro a VDT, movimentazione manuale carichi, ergonomia, piani d'emergenza, registro antincendio e manutenzioni, registro degli adempimenti periodici per la sorveglianza sanitaria e formazione, ecc.)
- I sistemi di gestione della sicurezza (SGSL di INAIL-UNI): utilizzazione pratica e integrata con i sistemi per la qualità e ambiente.
- Audit di sicurezza: strumento per la gestione della sicurezza. Non conformità, azioni correttive, aggiornamenti del DVR e della documentazione.
- Quesiti ed esercitazioni pratiche con simulazione di un intervento presso un'azienda e simulazione di redazione di un DVR.

Per ulteriori informazioni il nostro Servizio Clienti è attivo ai numeri:
tel. 06 33245244- fax 06 33111043 - c.a. D.ssa Francesca Mariani
Email: f.mariani@istitutoinforma.it

© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa