BOOM PER LE IMPRESE

23/05/2007

1.774 volte
Si è tenuto a Roma lo scorso 18 maggio il convegno organizzato dall’ICIC, Istituto di Certificazione per le Costruzioni sul tema: “Sistemi integrati: problemi ed opportunità”.
L'obiettivo è stato quello di fare il punto della situazione sul mercato delle certificazioni in Italia per far emergere i problemi e le opportunità offerte dall’implementazione dei sistemi integrati.
Al convegno sono stati invitati i massimi rappresentanti dei Soci e delle Imprese e durante lo stesso è stato consegnato un premio alle Imprese che hanno raggiunto il terzo rinnovo del certificato

Pietro Fedele, presidente Icic, ha fatto il punto della situazione sulle certificazioni degli ultimi 10 anni, riscontrando che il settore delle costruzioni, in base ai dati forniti dal Sincert al 31.12.2006, assorbe una grossa parte del mercato: il 21% del totale dei certificati, infatti, è rivolto delle imprese.
Il settore della qualità, però, è quello più ricercato dalle aziende che, invece, tralasciano molto ambiente e sicurezza.
Negli ultimi 10 anni, poi, la crescita è stata legata a filo doppio alla normativa in vigore: il D.P.R. n. 34/2000, infatti, ha prodotto un aumento delle certificazioni di venti volte rispetto ai dati del 1997.
Considerando l’aspetto positivo del numero di imprese certificate, occorre anche guardare l’altra faccia della medaglia: per molte imprese la certificazione rappresenta un mero adempimento burocratico che ti consente di accedere a determinate gare per le quali tale documento è obbligatorio, e niente di più.
L’iniziativa di Roma ha voluto essere anche l’occasione di un confronto tra le varie parti interessate (committenza, mondo imprenditoriale, ecc.) per esaminare le problematiche connesse all’applicazione della qualità nel settore delle costruzioni civili e per valutare le opportunità offerte dall’integrazione dei sistemi qualità con i temi ambientali e della sicurezza, nonché per fare un primo bilancio sui risultati delle certificazioni in Italia e in Europa.

A cura di Paola Bivona
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa