CENT'ANNI TUTTI ANCORA DA VIVERE

25/06/2007

2.805 volte
L’architetto Oscar Niemeyer, che a dicembre compirà cento anni, è stato insignito a Rio de Janeiro, dell’onorificenza di grande ufficiale della Repubblica italiana. A consegnarla al “padre di Brasilia”, allievo di Le Corbusier, è stato l’ambasciatore italiano nel Paese sudamericano, Michele Valensise. ''Oscar Niemeyer - ha affermato Valensise - è certamente l’architetto latino-americano più conosciuto, studiato e ammirato in Italia''. E Palazzo Mondadori di Segrate è sicuramente la sua opera più famosa in Italia.
“Ho fatto in Italia il Palazzo Mondadori che mi piace molto. E' uno dei miei preferiti - ha detto Niemeyer - è perfetto anche in relazione alla tecnica”.

- Ora sono molti anni che manca dall’Italia.
“L’ultima volta risale a una decina di anni fa, ma intendo tornare in Europa e sicuramente tornerò in Italia, a Venezia dove amo particolarmente il Palazzo Ducale dei Dogi”.

- Quali sono le conclusioni cui è giunto nella sua lunga vita?
“La più importante è che bisogna sempre servire gli altri, non bisogna essere presuntuosi. L’uomo deve essere modesto: cosciente della sua insignificanza davanti a questo universo fantastico che ci attrae e ci illumina”.

- Cosa pensa del presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva?
“E' la prima volta che il Brasile ha un presidente operaio e questo per me è già molto buono. Lula rispetta le sue origini umili e si dedica al popolo che ne ha bisogno. Dobbiamo combattere il regime capitalista, organizzare le nostre vite tenendo conto che stiamo vivendo un momento molto difficile. Sia il Brasile che il resto del mondo sono minacciati: e l’America Latina deve prepararsi davanti alla possibilità che possa accadere il peggio. Sono architetto ma è sempre stata chiara la mia posizione politica: sono comunista. C’è tanta miseria, c’è gente per strada, e quindi dobbiamo ancora lavorare per creare un mondo migliore, più fraterno. Non c’è nessuna ragione perché qualcuno pensi che è più importante dell’altro. La vita passa in un minuto. Conscio di tutto questo io cammino tranquillo per la mia vita. Se Deus quizer (Se Dio lo vuole)”.

- Lei ha ancora un ritmo di lavoro incessante, come si sente alla sua età?
“Io ho cinquanta anni e non cento. Se io faccio oggi tutto quello che facevo a cinquant’anni, io ho cinquant’anni. Quelle che io compirò 100 anni sono delle voci: la vita è sempre più importante dell’architettura”.

Fonte: www.demaiore © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa