CONSIGLIO DI STATO: DEFINITIVO STOP AI MINIMI DI TARIFFA

18/06/2007

3.145 volte
Il Consiglio di Stato nell’Adunanza generale del 6 giugno scorso, con parere n. 1750 sullo schema di decreto legislativo contenente modifiche al decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163, recante il Codice di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE (secondo decreto correttivo) definisce in maniera inequivocabile il definitivo stop ai minimi di tariffa.
Il Consiglio nel precisare che il decreto legge 4 luglio del 2006, n. 233, convertito nella legge 4 agosto 2006, n. 248 incide indirettamente sulle materie del Codice degli appalti, tramite l’abolizione dei minimi tariffari, anche per le tariffe relative alla progettazione di opere pubbliche ricorda che la previsione, per gli appalti di progettazione, della non ribassabilità degli oneri di progettazione esecutiva e della non ribassabilità dei minimi tariffari al di sotto del 20%, consente talune considerazioni di natura tecnica e precisamente:
  • anteriormente al decreto legge Bersani si desumeva dal Codice la inderogabilità dei minimi e la inammissibilità di giustificazioni in relazione a ribassi superiori a quelli consentiti;
  • a questione si pone in termini diversi dopo l’entrata in vigore del decreto legge citato, il cui art. 2 abroga tutte le disposizioni legislative e regolamentari relative alle attività libero professionali e intellettuali che sanciscano l’obbligatorietà di tariffe fisse o minime. Inoltre viene aggiunto che nelle procedure ad evidenza pubblica le stazioni appaltanti possono utilizzare le tariffe, ove motivatamente ritenute adeguate, quale criterio o base di riferimento per la determinazione dei compensi per attività professionali.
Ne consegue la tacita abrogazione:
  • della previsione del Codice che vieta il ribasso d’asta in relazione agli oneri di progettazione esecutiva (art. 53, comma 3, ultimo periodo);
  • della disciplina sulla inderogabilità dei minimi tariffari (art. 92, comma 2, ultimi due periodi; art. 92, comma 4);
  • della disciplina che stabilisce il limite del 20% per il ribasso in materia di progettazione (art. 4, comma 12 bis, d.l. l. n. 65 del 1989).
Il Consiglio precisa, poi, che sarebbe opportuno prevedere un’abrogazione espressa di tali disposizioni introducendo nel secondo decreto correttivo la seguente norma abrogativa: “L’articolo 53, comma 3, ultimo periodo, l’articolo 92, comma 2, ultimi due periodi, l’art. 92, comma 4, del decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 16, e l’articolo 4, comma 12 bis, d.l. 2 marzo 1989, n. 65, convertito nella legge 26 aprile 1989, n. 155 si intendono abrogati con effetto dalla data di entrata in vigore dell’articolo 2 del decreto legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito nella legge 4 agosto 2006, n. 248”. Per ultimom il Cosiglio ha, anche, precisato che tale posizione è stata espressa anche dall’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici con numerosi e convincenti argomenti nella determinazione n. 4 del 29 marzo scorso.

A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa