RUTELLI INAUGURA IL MOLINO STUCKY

14/06/2007

2.467 volte
A 12 anni dall’inizio del progetto di recupero di archeologia industriale è stato inaugurato a Venezia lo scorso 7 giugno il nuovo Molino Stucky Hilton. Costruito tra l’800 ed il 900 sull’isola della Giudecca è stato restaurato mantenendo l’aspetto originario e trasformato in un hotel, che restituisce alla città, dopo 50 anni, il vecchio molino.
Tutto, comunque, rientra in un progetto di riqualificazione più ampia, nel quale si inserisce, oltre al Molino Stucky, anche la costruzione del Palacinema e congressi e la riqualificazione dell’ex ospedale del mare.
La gestione del complesso ristrutturato è stata affidata alla Hilton International e l’albergo Hilton Molino Stucky Venice, aperto dallo scorso primo giugno, ha 380 camere tra cui 9 SPA Rooms e 40 Suite.

Si tratta di uno dei più grandi restauri di archeologia industriale nel quale la Soprintendenza ha dato un OK fino ad ora mai visto: la trasformazione ad albergo, seppur a 5 stelle lusso.
All’interno del corpo di fabbrica sono presenti, inoltre, due ristoranti e quatto bar, aperti sia agli ospiti interni che esterni, una SPA con area beauty & wellness e una piscina panoramica sul tetto.
Il centro congressi è il più esteso del centro storico di Venezia, con una superficie complessiva di 2.600 mq e una capacità di ben 2000 persone.
All’inaugurazione erano presenti il ministro Francesco Rutelli, il sindaco di Venezia architetto Massimo Cacciari e l’ingegnere Francesco Bellavista Caltagirone, presidente del Gruppo Acqua Marcia realizzatore dell'opera di recupero.
Proprio Cacciari, sull’intera operazione, ha commentato che “qui era una giungla, tanto che avevamo paura di farlo vedere all’ingegner Francesco Bellavista Caltagirone perché era una tale rovina che pensavamo sarebbe scappato”. Inoltre “non mi sembrava giusto fare case popolari per i residenti in questo luogo da 23mila metri quadrati in una città che ogni giorno continua a perdere abitanti”.
Francesco Bellavista Caltagirone, poi, ha spiegato che in un’ala separata del Molino Stucky già nel 2002 erano stati realizzati 120 appartamenti di qualità, “i cui ricavi hanno contribuito a finanziare la ristrutturazione del Molino Stucky, edificio ottocentesco vincolato dalla soprintendenza per il quale abbiamo investito 200 milioni raddoppiandone il valore che oggi è stimato in 500 milioni.
Quando ho visto per la prima volta il Molino Stucky negli anni Novanta ridotto a rudere ho pensato che Venezia aveva bisogno di un grande albergo e di un centro congressi per la sua economia e che questo complesso edilizio poteva essere la soluzione. E ci ho creduto, superando i molti problemi che abbiamo incontrato, nonostante il favore dell’amministrazione pubblica sull’operazione”.

Caltagirone, ora, si sposta su altri lidi e punta in Sicilia dove a breve verrà avviato l’ammodernamento dell’Excelsior e dell’hotele Des Palmes.

A cura di Paola Bivona


© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa