AUMENTO DEI TASSI

08/06/2007

3.356 volte
Ieri 7 giugno il consiglio direttivo della Banca centrale Europea, riunito a Francoforte, ha comunicato il secondo aumento dei tassi per il 2007; scorso il Consiglio direttivo della Banca centrale europea ha adottato le seguenti decisioni di politica monetaria:
- il tasso minimo di offerta sulle operazioni di rifinanziamento principali dell’Eurosistema è innalzato di 25 punti base, al 4,00%, a decorrere dall’operazione con regolamento il 13 giugno 2007;
- il tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento marginale è innalzato di 25 punti base, al 5,00%, con effetto dal 13 giugno 2007;
- il tasso di interesse sui depositi presso la banca centrale è innalzato di 25 punti base, al 3,00%, con effetto dal 13 giugno 2007.
L’ultimo aumento fa seguito ai quattro aumenti decisi nel 2006 che avevano portato il tasso dal 2,50% al 3,50% ed al primo aumento di quest’anno che aveva portato il tasso al 3,75%.

Nel commentare la decisione, il presidente della Banca Centrale Europea Jean Claude Trichet ha ribadito che "la politica monetaria resta accomodante", e che comunque l'Eurotower agirà "in modo fermo e tempestivo sul rischio prezzi", confermando di fatto le attese del mercato che sono per un rialzo di un altro quarto di punto entro la fine dell'anno.
La Bce prospetta infatti una "crescita economica di Eurolandia più forte del previsto. L'outlook è favorevole", ha detto Trichet. I rialzi dunque non hanno depresso la crescita. La Banca centrale ha rialzato le stime di crescita del Pil nella zona euro per il 2007 dal 2,5% al 2,6%. Per il 2008 la crescita è stata rivista invece al ribasso dal 2,4% al 2,3%. Rivisto al rialzo anche il tasso d'inflazione per il 2007, dall'1,8 al 2%.
I tassi dal 2001 ad oggi sono quelli riportati nella seguente tabella:
11 Maggio 2001 4,50%
31 Agosto 2001 4,25%
18 Settembre 2001 3,75%
9 Novembre 2001 3,25%
6 Dicembre 2002 2,75%
7 Marzo 2003 2,50%
6 Giugno 2003 2,00%
6 Dicembre 2005 2,25%
8 Marzo 2006 2,50%
15 Giugno 2006 2,75%
9 Agosto 2006 3,00%
11 Ottobre 2006 3,25%
13 Dicembre 2006 3,50%
14 Marzo 2007 3,75%
13 Giugno 2007 4,00%

L’immediata conseguenza dell’aumento deciso dalla Banca centrale è la modifica dei mutui a tasso variabile e con otto aumenti da gennaio 2005 non si può stare allegri.
Per l'Adusbef questo ennesimo rialzo mette migliaia di famiglie italiane a rischio insolvenza.
L'aumento dei tassi sui mutui, che passa dal 3,5% del dicembre 2005 al 5,75 % di oggi, "comporterà esborsi consistenti e forse insostenibili per tantissimi cittadini, che hanno acceso mutui a tasso variabile e che dovranno pagare maggiori rate da un minimo di 1.350 euro l'anno (più di uno stipendio mensile buono) fino a quasi 3.000 euro (2.968 euro per la precisione), che sono l'equivalente di due buoni stipendi". © Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa