MISURA E VALUTAZIONE DELL’ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE IN AMBIENTE DI LAVORO

16/08/2007

2.144 volte
La pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D.Lgs. 187/05 sulle vibrazioni meccaniche ha acceso i riflettori su un agente fisico che già era tra i più attentamente seguiti dagli “addetti ai lavori”. Gli effetti sull’uomo e sulla qualità della vita dell’esposizione alle vibrazioni meccaniche pone in primo piano l’esigenza della continua formazione ed aggiornamento dei tecnici che devono misurare gli agenti fisici e valutarne i rischi di esposizione con competenza adeguata. In particolare questo agente richiede una conoscenza di base delle grandezze fondamentali, dei principi di funzionamento degli strumenti di misura, del loro uso nelle situazioni più ricorrenti e degli aspetti più delicati della misurazione delle vibrazioni, oltre che delle procedure di taratura, unita alla conoscenza delle norme tecniche nazionali ed internazionali e della relativa legislazione nazionale in materia di vibrazioni meccaniche. Tutto questo costituisce il fondamento indispensabile per affrontare la valutazione di questa specifica fonte di esposizione individuale.

A seguito della necessità, presentata dallo stesso D.Lgs. 187/05, di avere personale specificatamente esperto in vibrazioni per effettuare le misure di questo agente fisico dedicate alla valutazione dell’esposizione umana lavorativa, il corso è rivolto non solo al personale delle ASL con compiti ispettivi, per cui verrà richiesto l’accreditamento ECM (edizione di ottobre), ma anche ai professionisti che desiderano avviarsi a tale attività come consulenti ai datori di lavoro. Infatti il numero dei professionisti già formati, presenti sul territorio nazionale, è del tutto irrisorio e per una corretta applicazione della legge si rende necessario aumentare significativamente tale numero. Il corso si presenta come un evento “full immersion”, durante il quale si potranno soddisfare al meglio le specifiche esigenze dei discenti, con una parte di teoria di base, una di approfondimento legislativo ed una parte pratica di esecuzione delle misure.

Informazioni generali
Per l’iscrizione bisogna utilizzare, esclusivamente, l’apposito modulo compilato in ogni sua parte, che dovrà pervenire, con allegato un breve curriculum vitae, per fax alla Segreteria del corso (06.94181.419)
Per il corso di ottobre, ECM, il termine per la presentazione della domanda è, inderogabilmente, il 30 settembre 2007.

La quota di iscrizione al corso è di € 500,00 più Iva, la legge dispone l’esenzione Iva per gli Enti Pubblici (art. 10 DPR 633/72). La predetta quota è, inoltre, ridotta del 10%, del 20% e del 30% in caso di iscrizioni cumulative (due, tre o quattro partecipanti), proposte da un datore di lavoro per i propri dipendenti.

Le persone selezionate riceveranno comunicazione dell’avvenuta ammissione via telefono e la fattura via posta con le indicazioni circa il pagamento che dovrà avvenire, salvo casi specifici, prima dell’inizio del corso stesso. © Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa