SI DELLE COMMISIONI AL DLGS DIRETTIVA QUALIFICHE

11/10/2007

2.526 volte
Le Commissioni riunite II Giustizia e X Attività produttive della Camera dei deputati, in sede di atti del Governo, hanno concluso ieri 10 ottobre, esprimendo parere favorevole con condizioni e osservazioni, l'esame dello schema di decreto legislativo recante Attuazione della direttiva 2005/36/CE, relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali (atto n. 134 - relatore per la II Commissione Pierluigi Mantini; per la X Commissione Giuseppe Chicchi).
Le commissioni riunite hanno esaminato lo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2005/37/CE, del Parlamento europeo e del Consiglio, relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali d hanno espresso parere favorevole con alcune condizioni ed osservazioni.

Le principali novità contenute nel decreto legislativo approvato ieri dalle commissioni possono essere così riassunte:
  • partecipazione di ordini, collegi, associazioni di professionisti regolamentati e non regolamentati all’elaborazione delle piattaforme comuni;
  • rilascio dell’attestato di competenza da parte delle associazioni non regolamentate che soddisferanno determinati requisiti.
“La votazione odierna sembra confermare l’impianto duale e sinergico propugnato da sempre dalle forze più avanzate del professionalismo italiano – commenta Giuseppe Lupoi, Coordinatore Nazionale del Colap –. Qualora il testo approvato venisse accolto nei prossimi stadi del suo iter legislativo, si potrà finalmente realizzare quella combinazione armonica tra il modello ordinistico e quello associativo da sempre atteso. Una combinazione – conclude il Coordinatore Nazionale del Colap – che è alla base dello sviluppo e della competitività del sistema professionale italiano nella società della conoscenza”.

Ricordiamo, con l’occasione che nella relazione di accompagnamento allo schema di decreto legislativo si legge che la direttiva 2005/36/CE relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali si presenta come una norma quadro diretta al consolidamento ed alla semplificazione amministrativa di direttive comunitarie che, fin dagli anni ’70, hann0 assicurato la mobilità professionale. Il testo è stato presentato dalla Commissione europea il 7 marzo 2002 sulla base di un preciso mandato del Consiglio europeo di Stoccolma del 23 e 24 marzo 2001 diretto ad assicurare “un sistema più uniforme, trasparente e flessibile di riconoscimento delle qualifiche professionali”. La direttiva sostituisce, infatti, 50 direttive originarie che sono state poi raccolte in 16 direttive a seguito di alcuni interventi di semplificazione normativa. .

A cura di Paolo Oreto
© Riproduzione riservata

PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

PARTECIPA PER PRIMO ALLA DISCUSSIONE
Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. n.163/2003 e secondo le finilità illustrata nell'informativa