CINQUANTA TESTI DI ARCHITETTI DEI SECOLI DAL XVI AL XVIII

22/11/2007

2.799 volte
Alla Biblioteca centrale della Regione siciliana sono in mostra circa cinquanta testi scritti dai più autorevoli architetti che hanno operato tra il XVI e il XVIII secolo: l’occasione è utile per far sì che anche un pubblico non esperto possa venire a contatto con libri e incisioni che testimoniano, per la specificità e l’arco temporale, un interessante percorso storico di tutta l’architettura europea e di ciò che ad essa è correlata.
Nella mostra, che ha per titolo “Biblioteca dell’architetto” ed è curata da Mario Rosario Nobile, si possono trovare anche i ritratti di alcuni degli architetti più noti che lavorarono in Sicilia tra il Seicento ed il Settecento tra i quali Giacomo Amato, Giacomo Aragona, Ignazio Marabitti, Venanzio Marvuglia, Giovan Battista Vaccarini e che sono, generalmente, custoditi alla Biblioteca Comunale di Palermo e alla Galleria regionale di Palazzo Abatellis.

La mostra è divisa in sei sezioni tematiche dal titolo ‘La tradizione vitruviana e la grande trattatistica’, Geometria e architettura militare’, ‘Teoria e architettura nell’Italia d’età barocca’, ‘ le avventure della decorazione’, ‘Il Settecento europeo tra internazionalismo e archeologia’, ‘Libri di autori siciliani’ ma non è una semplice esposizione di libri.
Il direttore della Biblioteca regionale, Gaetano Gullo, afferma infatti che “si possono ammirare le preziose traduzioni di Vitruvio di Fra’ Giocondo e di Cesare Cesarioni, il raffinato volume di incisioni per ebanisti di Gabriel Krammer edito a Praga nel 1604, i pregevoli libri del De Rossi che illustrano la grande architettura barocca di Roma, numerosi trattati francesi del Settecento, splendidi nella loro magnificenza editoriale, tra i quali il trattato autobiografico di Jaques Gemine Boffrand”.
Aggiunge inoltre che, nella sezione dedicata agli autori siciliani, la parte interessante è quella che tratta i volumi di Paolo Amato, Giovanni Amico e Agatino Vandone.

Degni di nota sono, inoltre, gli inventari del Seicento e Settecento recuperati nelle biblioteche degli ordini religiosi e inseriti nella sezione relativa alla trattatistica vitruviana, mentre suscita curiosità, nella sezione della trattatistica militare, la perfezione e la cura che gli specialisti dell’epoca dedicavano alle fortificazioni di una regione che, sia dal punto di vista strategico che commerciale, essendo situata al centro del Mediterraneo, ricopriva già allora un ruolo molto importante.
Da non sottovalutare, infine, sono le tavole di età barocca che documentano la raffinatezza editoriale, l’importanza della decorazione e il fascino che l’archeologia suscitava nell’architettura civile dell’epoca. .

A cura di Paola Bivona
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa