RADDOPPIA IL FOTOVOLTAICO MADE IN PIEMONTE

15/11/2007

4.101 volte
La Giunta regionale sostiene i progetti presentati da RSA s.r.l. di Balangero, Baricalla S.p.A., Cooperativa Sociale Arcobaleno e Gruppo Abele di Torino per la realizzazione di impianti fotovoltaici ritenuti considerevoli per contenuto innovativo, efficienza energetica e minore impatto ambientale.

"Abbiamo deliberato di stanziare 3,1 milioni di euro - dice Nicola de Ruggero, assessore all'Ambiente e all'Energia - per sostenere economicamente con prestiti a tasso zero, nell'ambito di un fondo rotativo, alcuni interventi che perseguono obiettivi di utilizzo dell'energia rinnovabile e scopi formativi. Oggi la valenza strategica delle energie rinnovabili sotto gli aspetti ambientali ed economici è assolutamente indispensabile. Per questo in Piemonte dobbiamo incentivare la diversificazione delle risorse e l'incremento dell'utilizzo di impianti a biomassa, solari termici, fotovoltaici, ed in misura ridotta, anche per salvaguardia dell'ecosistema dei fiumi, idroelettrici". In particolare, l'installazione di impianti fotovoltaici di grandi dimensioni in aree ambientalmente degradate come l'ex miniera di amianto di Balangero e Corio e la discarica di Barricalla a Collegno, hanno finalità di riqualificazione dei siti stessi. Il progetto del gruppo Abele si prefigge di realizzare un impianto per l'autoconsumo energetico, quello della Cooperativa Arcobaleno di installare un impianto capace di ridurre consumi e costi energetici con risvolti positivi per l'ambiente.

La potenza fotovoltaica oggi installata in Piemonte è di 3,5 megawatts, pari allo 0,5 per mille della complessiva produzione regionale di energia elettrica, circa 7.200 MW, in pratica un raddoppio di produzione dall'inizio della legislatura. I quattro progetti comporteranno la produzione di altri 3,8 MW, che in una fase successiva potranno arrivare a 5,4. Sulla base di questo trend e delle indicazioni del piano operativo regionale, entro il 2010 la potenza prodotta in Piemonte con impianti fotovoltaici potrà essere intorno ai 30 MW.

a cura di www.regione.piemonte.it
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa