INAUGURATO IL “VULCANO BUONO” DI RENZO PIANO

18/12/2007

10.305 volte
A Nola, a trenta chilometri da Napoli, è stato inaugurato, la settimana scorsa, il grande centro servizi, progettato da Renzo Piano ed inserito nel distretto che comprende Cis (Centro di distribuzione all’ingrosso) e Interporto di Nola, denominato “Vulcano Buono”.
Come si evince dal nome stesso, il centro ha la forma di un vulcano che, nonostante le grandi dimensioni (circa 150.000 mila metri quadrati la superficie totale coperta), si integra completamente con l’ambiente circostante grazie alla copertura a verde, costituita soprattutto da arbusti (ginestre, rosmarini, lantane, timo, salvia, rosa rugosa ecc. che rappresenterà, quando saranno conclusi al massimo due cicli vegetativi, la più estesa copertura a verde pensile mai realizzata), e al fatto di essere scavato in una collina artificiale che, da lontano, si presenta come un movimento naturale del terreno, confondendosi con i rilevi circostanti.
Il terreno su cui sorge questo complesso è stato concesso dalla Regione Campana a Interporto Campano Spa (soprattutto alla società immobiliare Cisfi) e a Gallerie Commerciali Italia Spa (divisa nello specifico in Immochan, immobiliare di Auchan per il 51% e Simon property groupper il restante 49%), che detengono, rispettivamente, il 55% ed il 45% del capitale della Vulcano Spa.

All’interno del cratere si apre la grande piazza di 22 mila mq. (equivalente in dimensione alla Piazza Plebiscito di Napoli) e diametro di 160 metri e, nella parte esterna, presenta pendii erbosi che articola e completano lo spazio centrale pianeggiante dove sarà possibile organizzare manifestazioni e eventi temporanei.
Su questa piazza si affacciano le attività del centro: due gallerie commerciali, costituite da circa 150 negozi, di cui 13 di medie dimensioni, oltre ad un albergo, Holiday Inn da 147 camere, un Cinema Multisala Warner costituito da 9 sale per un totale di 2500 posti, un centro Wellness, oltre a 18 luoghi di ristoro e l’ipermercato Auchan, che si sviluppa su una superficie di circa 15 mila mq dotato di 56 casse e che darà lavoro a 380 persone. Le due gallerie, a pianta circolare, che costituiscono il sistema di percorsi pedonali e di sosta di tutto il centro (organizzate in piazzette dove si collocano gli ascensori, le scale e i tappeti mobili), sono illuminate con luce naturale dall’alto, ovvero da tagli ricavati nelle falde della copertura e da grandi vetrate a tutta altezza, attraverso le quali è possibile visionare le attività svolte nella piazza centrale.

La viabilità esterna al centro garantirà l’accesso dalle direttrici di arrivo preferenziali; sono, inoltre, previsti dei parcheggi, distribuiti perimetralmente al Vulcano e organizzati attorno a viali alberati di accesso pedonale posizionati in asse con le cinque porte di ingresso al centro che hanno la capienza di 5300 automobili che saranno organizzate in modo radiale e protette, in estate, dall’ombra di 2 mila alberi.
C’è, inoltre, una strada di servizio interrata (a -6 metri dal livello del terreno), di forma circolare e concentrica rispetto alla grande piazza, separata dai flussi veicolari che servirà alla movimentazione delle merci in entrata ed in uscita.

Gianni Punzo, presidente di Interporto Campano e fondatore del Cis, a ridosso dell’inaugurazione, ha commentato che “con il Centro Servizi Vulcano Buono si va completando il distretto di Nola. Dal 1977, data di fondazione del Cis, ad oggi è nato un sistema in cui le tre anime si integrano alla perfezione fungendo l’una da supporto all’altra. Un sistema che oggi viene considerato anche all’estero come modello da imitare. Oggi riunisce in totale oltre mille aziende, 8 mila addetti, conta 40 mila occupati nell’indotto e registra 30 mila presenze al giorno”.
Per Punzo, quindi, il distretto del commercio è ormai assimilabile ad una vera e propria città tant’è che allo studio c’è l’ipotesi di realizzare anche una zona residenziale che possa ospitare circa 1000 case destinate soprattutto a chi lavora all’interno di Cis, Interporto e Vulcano Buono.
All’interno di Cis, infatti, sono presenti una serie di servizi, quali banche, il posto di Polizia, un servizio di vigilanza interna, un ufficio postale, ristoranti, bar e self service, mentre nell’Interporto hanno sede un servizio dogana, la stazione ferroviaria, un terminal intermodale, un polo del freddo e presto sarà realizzata una caserma dei Carabinieri.

Il modello sembra funzionare tant’è vero che hanno già provveduto a diffonderlo all’estero: in Cina, in un quartiere restaurato a cura e con finanziamenti della Regione Campania, si sta realizzando uno “Spazio Italia” che sarà del tutto simile all’esempio di Nola ed uno simile sta per essere realizzato in Giappone.

A cura di Paola Bivona
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa