SNELLIMENTO DELLE PROCEDURE

07/01/2008

3.682 volte
Sulla Gazzetta ufficiale n. 296 del 21 dicembre 2007 è stato pubblicato il Decreto del Ministero dello Sviluppo economico 2 Novembre 2007 recante “Approvazione del modello di comunicazione unica per la nascita dell'impresa.”
Dal 19 febbraio, in riferimento a quanto previsto dal decreto legge 31 gennaio 2007 n. 7 recante “Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese, convertito nella legge 2 aprile 2007 n. 40, le imprese potranno nascere in un solo giorno.
E’, infatti, prevista per quella data che le aziende di nuova costituzione possano inviare la comunicazione unica per l’avvio delle imprese e che possano assolvere, in un unico colpo, agli adempimenti amministrativi per l’iscrizione dell’attività alla camera di commercio, compresi quelli per fini previdenziali e fiscali e per l’ottenimento del codice fiscale e della partita Iva. Questo, però, non vale per la documentazione che viene richiesta dalle singole pubbliche amministrazioni.

Per quanto concerne l’invio della comunicazione, dopo un periodo di prova, diventerà obbligatorio inviarla on line al Registro imprese che rappresenterà una sorta di centrale di smistamento dove saranno concentrate tutte le informazioni della nuova impresa, anche quelle che riguardano l’Agenzia delle entrate, l’Inps e l’Inail. Diverso è il discorso per le imprese individuali: la comunicazione unica sarà possibile a partire da agosto.
In merito alla tempistica ed alla modalità di applicazione bisognerà consultare il già citato decreto 2 novembre 2007 dove è possibile, inoltre, reperibile il fac-simile della comunicazione unica.
Fino al 19 febbraio, quindi, data dell’entrata in vigore della nuova modalità, il decreto sulle liberalizzazioni prevede che le specifiche tecniche per la modulistica unica vengano decise dalle pubbliche amministrazioni per gli ambiti di loro competenza; la legge 40, poi, attraverso un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in corso di elaborazione, regolamenterà il trasferimento on line dei dati tra amministrazioni interessate in previsione dei necessari controlli.
In attesa del dpcm il testo pubblicato in Gazzetta specifica che i programmi per la definizione della modulistica da inviare agli enti restano separati, che ogni pubblica amministrazione agirà secondo le proprie direttive e che le istruzioni tecniche sul formato elettronico per le domande al Registro imprese e al Rea restano quelle previste dal dpr 581/1995.

Nel Decreto 2/11/2007 è, poi, specificato che le specifiche tecniche per l’invio on line della comunicazione unica per l’avvio di un nuova attività, le variazioni dei dati e la cessazione di un’attività, ai fini Iva, sono definite dall’Agenzia delle entrate con un proprio provvedimento a far data dal 19 febbraio; le specifiche tecniche per la denuncia on line dell’iscrizione per le imprese con dipendenti all’Inps verranno dettate dallo stesso Istituto con un provvedimento proprio, così come accadrà per la denuncia di iscrizione dell’impresa all’Inail. Sarà, quindi, cura delle amministrazioni competenti diffondere le istruzioni per rendere operativo il modello unico attraverso i propri siti internet e definendole insieme al Cnipa, procedura che dovrà mantenersi anche in futuro nel caso in cui il modello subisca delle modifiche.

A cura di Paola Bivona
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa