ECOABITA, A REGGIO EMILIA LA CASA DIVENTA SOSTENIBILE

20/02/2008

2.511 volte
Ai nastri di partenza il progetto “Ecoabita”, grazie al quale il Comune di Reggio Emilia mette a disposizione di progettisti e cittadini una serie di strumenti e incentivi per promuovere l’uso di tecnologie costruttive bioclimatiche finalizzate al risparmio energetico, alla tutela dell’ambiente e anche, non ultimo, alla creazione di nuove professionalità.

L’iniziativa dell’assessorato urbanistica ed edilizia, che si rifà a un progetto pilota sviluppato insieme a Regione Emilia-Romagna, Provincia di Reggio Emilia e Acer, in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo economico e con le Università di Ferrara, Modena e Reggio Emilia, prevede che vengano stabilite nuove Linee Guida per la certificazione energetica degli edifici, sia per le nuove realizzazioni che per gli interventi di manutenzione dei fabbricati. Intervenendo sul regolamento edilizio comunale, il progetto consente di giungere alla riduzione di quasi il 50% delle emissioni di anidride carbonica e di circa il 60% dei consumi energetici delle abitazioni, grazie all’effetto combinato con quanto introdotto dai precedenti decreti.

Il fondo per gli interventi, pari a 180 mila euro in tre anni, sarà a disposizione dei proprietari immobiliari per le opere di isolamento delle superfici verticali, per la sostituzione di vetri semplici con doppi e tripli vetri e per l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sanitaria: saranno coperti i costi fino al 15% del valore totale dei lavori. Per presentare le richieste di contributo, c’è tempo fino alle ore 13 del 16 aprile 2008: le domande dovranno pervenire all’archivio generale del Comune di Reggio Emilia. È attivo inoltre lo sportello informativo Ecoabita (tel. 0522.456689), cui si possono rivolgere tutti i progettisti edili e i cittadini che vogliano ricevere ulteriori informazioni circa la certificazione energetica dell’abitazione e le possibilità di accedere ai contributi comunali.

a cura www.regione.emilia.it
© Riproduzione riservata



PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE

Esprimo il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente e secondo le finalità illustrate nell'informativa